Il Primato Nazionale mensile in edicola

Il tartufo nero nell’antichità

Il tartufo è conosciuto fin dall’antichità, Aristotele e Pitagora apprezzarono i tartufi per le loro qualità afrodisiache.

I babilonesi 3.500 anni fa raccoglievano tartufi della famiglia Terfezia, i tartufi del deserto, specifici delle zone con terreni sabbiosi. I re babilonesi mettevano invece i tartufi in fogli di papiro e li preparavano sul fuoco.

I Sumeri mischiavano tartufi con orzo, ceci, lenticchie e senape, e li consumavano per le tante proprietà che credevano di possedere. Nel tempo il rispetto per il tartufo crebbe sempre di più, tanto che il tartufo iniziò ad essere inserito nei menù delle personalità più importanti del mondo, divenendo appannaggio delle persone più ricche ed elevato al rango di prelibatezza. Fortunatamente anche noi oggi possiamo acquistare tartufi neri direttamente su larustichellatruffles.com; il migliore punto vendita italiano.

Un grande poeta e saggista francese Vaudoyer un giorno disse che ci sono due tipi di mangiatori di tartufi, uno che pensa che i tartufi siano buoni perché sono costosi e altri che sanno che sono costosi perché sono buoni.

Il geniale compositore Gioachino Rossini, l’autore della famosa opera Il barbiere di Siviglia, ha detto quanto segue: ho pianto tre volte nella mia vita, quando la prima opera che ho scritto si è rivelata una delusione, quando l’ho ascoltata per la prima volta e Paganini suonava il violino, e quando, durante un picnic sulla nave, un tacchino ripieno di tartufi cadde in mare.

I metodi di ricerca e raccolta del passato

In passato la ricerca dei tartufi in Italia e in Spagna avveniva con l’aiuto di maiali domestici, ma ora questo metodo di ricerca è diventato storia.

Le scrofe hanno un olfatto molto più sviluppato rispetto ai maschi, e i tartufi emanano un odore identico a quello dell’androsterone, un feromone sessuale presente nella saliva dei suini maschi, di cui le scrofe sono attratte quando sono in calore.

Dopo aver trovato il tartufo, il maiale non era disposto a darlo troppo facilmente al suo padrone. Si dice che in paesi con una lunga tradizione di raccolta del tartufo, come in Italia e in Francia, si potrebbe intuire dalle dita della mano chi ha raccolto un tartufo e chi no.

Una brava scrofa in cerca di tartufi poteva costare davvero molto, tuttavia ciò non dovrebbe sorprendere nessuno, perché i benefici che portavano erano molto più grandi.

Nonostante ci sia una mostra del tartufo nel nostro Paese, e un museo del tartufo in Francia, la maggior parte dei tartufi si trova in Cina, anche se di qualità inferiore.

Quelli presenti in Cina fanno parte della specie Tuber indicum, crescono nel nord della nazione e sono tartufi invernali, la loro raccolta viene effettuata da novembre a marzo.

Anche in Cina sulle montagne himalayane cresce un tartufo simile al tartufo nero francese, un tartufo molto popolare e costoso ma che a causa delle elevate difficoltà di raccolta viene raccolto in piccole quantità.

Un record tutto italiano

Ora, dopo un viaggio in giro per il mondo, è giunto il momento di parlare anche di qualche grande record italiano, che sicuramente riuscirà a sorprendervi.

Nel 1999 un italiano ha trovato in Croazia un tartufo bianco del peso di 1,31 kg, con il quale è entrato nel libro dei record.

Otto anni dopo, un altro italiano ha detronizzato il vecchio record scoprendo un tartufo di 1,51 kg che all’asta è stato venduto per la cifra record di 330.000 dollari ed è stato acquistato dal proprietario di un casinò di Macao.

Tre anni dopo, nel 2010, lo stesso acquirente, acquistò due tartufi bianchi con la stessa cifra di 330.000 dollari, entrambi i tartufi furono trovati vicino alla città di Pisa.

Nel 2014 è stato trovato un tartufo bianco di 1,89 kg, anch’esso venduto all’asta, ma il prezzo ottenuto è stato piuttosto basso, soli 61.000 dollari, rispetto ai tartufi precedentemente messi all’asta, ed è stato acquistato da un taiwanese.

Descrizione: un lungo viaggio nel passato alla scoperta del tartufo, una vera e propria prelibatezza.

Commenta