Il Primato Nazionale mensile in edicola

E’ dallo scorso marzo che la gran parte dei lavoratori italiani hanno iniziato a sperimentare il cosiddetto smart working, che è poi un lavoro fatto in un posto diverso dall’azienda con cui si lavora o collabora. La necessità ha iniziato a fare decantare i pregi del lavoro fatto da casa propria, in mobilità, o dovunque si disponga di un computer, anche portatile, e di una connessione. Ma altri lavoratori questa modalità di lavoro la conoscevano già da tempo. Si tratta di quelli che con termine inglese vengono definiti freelancer, ovvero lavoratori che non collaborano stabilmente con un’unica azienda ma che offrono prestazoni alle aziende che le cercano, solitamente tramite un portale di intermediazione tra la domanda e l’offerta.

Freelancer, ora anche una risorsa italiana

I molti freelancer italiani si sono negli anno spesso dovuti accontentare di risorse in lingua inglese e a volte anche con pagamenti in valuta estera, che creano anche una serie penalizzazione rispetto alle tariffe applicate ai cambi. E’ quindi certamente una notizia importante per tutto il settore, sia dei lavoratori che delle aziende, la nascita di un portale freelance italiano. Obiettivo di freelanceboard.it è naturalmente quello di poter costituire un semplice, efficace strumento che dia modo alle aziende di trovare i freelancer adatti per i loro progetti, e viceversa. Una cosa che sulla carta sembra semplice, ma che in realtà richiede un lavoro sia di implementazione che di costante aggiornamento per poter essere sempre efficace, oltre che alla creazione di un sistema sicuro sia per le aziende che per i lavoratori.

I vantaggi per le aziende

Nel marketplace che è poi il “cuore” del portale, le aziende potranno postare i propri progetti. Che si tratti di copywriting, siti web, traduzioni, app, grafica o qualsiasi necessità incontrata nello sviluppo del proprio lavoro, nell’apposita sezione potranno inserire in modo gratuito le specifiche del progetto, le competenze rischieste, tutti gli elementi ritenuti opportuni, e attendere che inizino arrivare le offerte dei freelancer. Caratteristica del portale è sicuramente la facilità di utilizzo, non sono necessarie conoscenze informatiche di alcun tipo per inserire in pochi minuti il proprio progetto nel marketplace di freelancerboard.it e selezionare, tra le offerte che arriveranno, quella che si reputa più confacente alle proprie esigenze. Il fatto di poterlo fare in lingua italiana con moltissimi freelancer italiani, dà certamente un vantaggio aggiuntivo anche in termine di facilità e speditezza della comunicazione.

I vantaggi per i freelancer

Ma i vantaggi non mancano nemmeno per i freelancer. In questo senso, è significativo sottolineare come per tutto il 2020 i freelancer che si iscrivono al portale potranno usufruire in modo del tutto gratuito anche delle funzioni del piano PRO. Questo consentirà tra le altre cose un accesso illimitato a tutti i progetti, la possibilità di conoscere nome e logo dell’azienda, carricare il proprio currivulum vitae, comunicazione illimitata con chi gestisce i progetti. Insomma, quello che di solito non si ha in molti portali internazionali, e che darà al freelancert la possibilità di massimizzare il proprio tempo e i propri guadagni.  Dunque il mondo del “freelancing” ha finalmente anche un portale italiano all’altezza delle esigenze di aziende e lavoratori, e questo non può che essere un segnale positivo per chi ama lavorare in libertà.

Commenta