Roma, 8 set – La vicenda giudiziaria dell’ex terrorista pluriomicida Cesare Battisti – che a maggio si è visto respingere ogni richiesta di alleviamento della condanna e ora tenta la carta estrema dello sciopero della fame aveva fatto calare una coltre di silenzio su quella che era divenuta l’attività principale dell’ex terrorista durante la sua latitanza: la scrittura, che lo ha visto, nel corso degli anni, vestire i panni di un autore non particolarmente eccelso di romanzi noir, usciti anche per Einaudi (L’orma rossa, risalente agli anni Novanta quando Battisti risiedeva, latitante, in Francia) e per la casa editrice di sinistra DeriveApprodi.

Ebbene ora, Battisti, dopo un silenzio creativo durato anni, avrebbe iniziato a scrivere una nuova opera tra le mura del carcere sardo di massima sicurezza ove è detenuto. Lo fa sapere AdnKronos raccogliendo voci legate alla casa editrice francese Seuil, che quest’anno ha pubblicato il romanzo Indio, al momento uscito solo in Francia. A otto anni di distanza dal precedente romanzo, Faccia al muro, edito da Flammarion e tradotto da DeriveApprodi nel 2012, e a pochi mesi da Indio, Battisti si starebbe quindi dedicando a un nuovo progetto.

Sangue di Enea Ritter

Indio, come lascia agevolmente intendere il titolo, ricalca alcuni stereotipi della narrativa di genere contemporanea che vanno a intrecciare noir, storia, avventura, ripercorrendo vicende connesse alla scoperta del Brasile, avvenuta nel 1500. Che però la fortuna abbia voltato le spalle all’ex latitante Battisti – e non solo in termini giudiziari – lo si può evincere, in termini letterari, con la scarsissima fortuna editoriale di Indio, il quale è passato nelle librerie come una sorta di inosservata meteora: stampato in poco più di 5000 copie, in realtà gran parte sarebbero rimaste invendute. E non sembra esserci in programma una traduzione italiana del volume.

Lo stesso Indio ha subito vicende editoriali travagliate, dal momento che sarebbe dovuto uscire alla fine del 2019; ma le confessioni dell’ex terrorista, l’estradizione e la conduzione in carcere hanno evidentemente convinto la casa editrice Seuil a rimandare di mesi la messa in commercio. Gli scarsi risultati in termini di vendita, in realtà, fanno capire, semplicemente, che le qualità e l’appeal editoriale di Battisti probabilmente fossero più legate alla sua storia giudiziaria e personale che non ad autentico genio letterario.

Cristina Gauri

Articolo precedenteTelelavoro, una risorsa italiana per il mondo dei freelancer
Articolo successivoBielorussia, lo strano caso dei dissidenti “rapiti”
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

2 Commenti

Commenta