Il Primato Nazionale mensile in edicola

Torino, 8 set – Forti, fortissimi con i deboli questi immigrati che hanno scelto la via della delinquenza durante il loro soggiorno entro i nostri confini. E’ di ieri la notizia di un vergognoso episodio che ha visto come carnefice di turno un marocchino 20enne senza fissa dimora, il quale ha massacrato di botte una disabile nel tentativo di rapinarla. Non era il primo colpo che l’uomo cercava di mettere a segno: durante la serata si sono infatti verificati altri tentativi di rapina. Lo straniero, che ha provocato alla donna un trauma cranico e contusioni multiple, ora dovrà rispondere di rapina aggravata.

Escalation di violenze

I fatti si sono svolti venerdì notte nel centro di Torino. Il ventenne aveva dapprima seminato il panico in via Po, irrompendo in un negozio armato di bastone minacciando il proprietario per farsi consegnare una bottiglia di liquore. Al gestore dell’esercizio non è rimasto da fare altro che consegnare al marocchino quanto richiesto. A quel punto l’immigrato si è allontanato. Ma la serata per il ventenne era appena iniziata: dopo aver scorto l’ennesima vittima inerme su cui infierire, l’uomo ha ferocemente aggredito una giovane disabile per rapinarla, tuttavia senza riuscirci. Infuriato per la frustrazione di aver mancato il colpo, ha rivolto la sua ferocia verso un altro passante sottraendogli il portafoglio. 

L’arresto

Fortunatamente, alcuni testimoni che avevano assistito alla scena si sono preoccupati di allertare il 112. Il tempestivo intervento di una pattuglia dell’Arma ha reso possibile l’arresto del criminale. Contestualmente, la ragazza disabile aggredita dall’immigrato è stata trasportata al pronto soccorso per essere affidata alle cure dei medici. La prognosi è di sei giorni con diagnosi di trauma cranico e contusioni multiple. I carabinieri intanto continuano a indagare sull’attività dello straniero nelle serate precedenti all’arresto. Il sospetto è che l’uomo non si sia limitato alle scorribande di venerdì scorso…

Cristina Gauri

3 Commenti

  1. Marocchino ?
    Ventenne ?
    Probabilmente un disertore.
    Per. I disertori in Marocco, dove é stata da poco reintrodotta la leva obbligatoria, è prevista la pena di morte.
    Rispeditelo in Marocco.

  2. Thor fai trovare queste merde umane sul mio cammino , o su quello dei
    miei Camerati ….. li offriremo a VOI , NOSTRI DEI !

Commenta