Il Primato Nazionale mensile in edicola

Trento, 10 mag – Una terrorista delle Brigate Rosse può diventare un esempio per gli studenti delle Scuole Medie? In Trentino sembrerebbe di sì.

Sangue di Enea Ritter

Mara Cagol, fondatrice delle Brigate Rosse

In Trentino, la Commissione della Pari Opportunità ha deciso di inserire tra le 30 donne Trentine più importanti Mara Cagol, fondatrice delle Brigate Rosse e uccisa nel 1975 in uno scontro a fuoco con un carabiniere.
Il testo è stato redatto in collaborazione con il Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell’Università di Trento, la stessa facoltà che proprio grazie alla Cagol e al marito Renato darà le origini a fine anni 60 alle Brigate Rosse.

Black Brain

In Trentino è “modello femminile importante”

Paola Maria Taufer, presidente della commissione Pari Opportunità, ha spiegato: “A partire dalla scuola dell’infanzia, si studia su libri che ripropongono in molti casi personaggi maschili e stereotipi di genere, la cui rimozione infonderà maggiore fiducia nelle ragazze, che hanno bisogno di modelli femminili importanti che siano di esempio e ispirazione, e alimenterà nei ragazzi il rispetto e la considerazione verso la componente femminile”.

Fugatti: “Si poteva evitare …”

Insomma, nonostante tutto un esempio. Numerose le polemiche che ha scatenato la pubblicazione con Fratelli d’Italia che ne ha chiesto immediatamente il ritiro mentre il Governatore leghista Maurizio Fugatti si è limitato a una dichiarazione dal sapore cerchiobottista dicendo che “si poteva evitare. Non è materia di competenza della giunta provinciale e la commissione Pari opportunità ha la propria autonomia”.

“Mara Cagol personaggio “divisivo”….

La difesa del Dipartimento di Sociologia non si è fatta attendere ed è stata affidata a Barbara Poggio, referente scientifico del progetto che afferma: “La storia è popolata da personaggi positivi e negativi e Mara Cagol è stata senza dubbio protagonista di una delle pagine più divisive della storia locale e nazionale. Scambiare il terrorismo rosso degli anni di piombo per “una delle pagine più divisive della storia locale e nazionale”. Quando la toppa è peggiore del buco, come si suol dire. D’altronde, però, le simpatie di Barbara Poggio e del dipartimento di Sociologia sono ben note note a tutti in Trentino.

La battaglia culturale non si fa indignandosi

Ed è questo il punto della vicenda. L’egemonia culturale della sinistra a Trento non è una novità ma sicuramente è curioso come in questi due anni e mezzo di giunta leghista non sia stata nemmeno lontanamente scalfita. A cosa serve essere al Governo se il campo di battaglia culturale e scolastico viene lasciato scoperto? Sicuramente è legittimo chiedere che il testo venga ritirato ma non sarebbe meglio opporre un’alternativa di pensiero allo strapotere della sinistra? La battaglia culturale non si fa a suon di indignati comunicati ma costruendo strutture, sostenendo le associazioni che già esistono, supportando i progetti identitari sul territorio. Altrimenti in futuro i libri dei nostri figli saranno colmi di esempi negativi e partigiani. Lamentarsi è inutile, bisogna agire ed edificare.

Filippo Castaldini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Questo è un tema molto complesso da affrontare, lasciato del tutto in sospeso in questa italietta da quattro soldi che non si assume alcuna responsabilità, salvo pochissimi esempi di pensatori liberi e compiuti. Lo sapete che a Milano (!) esiste una scuola intitolata a Claudio Varalli, sì o no? Cosa facciamo, mettiamo solo i militanti in croce? Ci sono fior di militanti defunti anche a “dx”! Il rischio è dimenticare tutto e condannare solo loro.

  2. Comunque la si veda, la Cagol era una grande donna e il marito le poteva fare da domestico, mentre le montature degli sbirruncoli come sempre fanno acqua da tutte le parti.

    Su wiki si legge: “nel conflitto a fuoco Margherita Cagol rimane uccisa per i numerosi colpi d’arma da fuoco” Ma oltre casca l’asino: “Referto autopsia “Ferita da arma da fuoco con caratteri di entrata alla regione mediale del cavo ascellare sinistro con alone ecchimotico circostante e ferita da arma da fuoco con i caratteri di uscita sulla linea ascellare posteriore destra pressoché orizzontale rispetto al foro di entrata”. I risultati dell’autopsia concludono che fu colpita sulla parte sinistra del petto con fuoriuscita del proiettile nella parte destra della schiena.

    In un conflitto a fuoco all’impazzata, quante probabilità ci sono di morire per un solo colpo mortale perfetto sotto-ascellare in linea retta col cuore? Fatevi aiutare da altri espertoni di bullshits 4 dummies, tipo quelli del carcere di Stammheim.

Commenta