Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 mag – Da lunedì 10 maggio in tutta Italia saranno aperte le vaccinazioni anti-Covid per gli over 50. Il commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo ha disposto l’avvio delle prenotazioni per la somministrazione a tutti gli over 50, ossia fino ai nati nel 1971. Una svolta nella campagna vaccinale che già alcune grandi regioni avevano anticipato, come il Lazio, la Lombardia e il Veneto, circa un terzo della popolazione nazionale. Intanto ieri sono state di nuovo superate le 500mila dosi di vaccino somministrate in un giorno in Italia, sempre secondo i dati del commissariato d’emergenza.

Sangue di Enea Ritter

Dal 10 maggio al via le vaccinazioni agli over 50

L’apertura agli over 50 “avrà carattere di gradualità ed è suffragata dal buon andamento della campagna di somministrazione su scala nazionale delle categorie prioritarie, over 80 e fragili”, spiega Figliuolo. La campagna vaccinale, quindi, procede bene, a sentire il generale. Ma resta la precedenza per le persone che hanno patologie. “Le prenotazione per i cittadini over 50 verranno recepite ferma restando la priorità per le persone affette da patologie o situazioni di compromissione immunologica che possono aumentare il rischio di sviluppare forme severe di Covid-19 (comorbidità), seppur senza quella connotazione di gravità riportata per le persone fragili”.

Black Brain

Ecco quante dosi ci sono e quante ne devono arrivare

Insomma, la campagna pare proceda a ritmo maggiore. Una buona notizia, visto che fino a ieri c’erano ancora circa 3 milioni di anziani a rischio ancora in attesa della prima dose. Un quarto degli italiani (25%) ha ricevuto almeno una dose, tra loro 3/4 degli over 70, quelli più a rischio di conseguenze gravi o mortali per il Covid. A permettere l’apertura agli over 50 è l’aumento considerevole delle consegne. Ora nei frigoriferi ci sono 4,7 milioni di dosi di vaccini, oltre due milioni dei quali di Pfizer in consegna da ieri alle regioni. A maggio complessivamente, spiega Figliuolo, arriveranno 17 milioni di dosi. Si va verso i 7 milioni di vaccinati anche con richiamo. Va detto che la campagna non superava più i 500mila vaccinati al giorno dal 30 aprile. Tuttavia si mantiene sopra le 400mila vaccinazioni quotidiane (qui i dati aggiornati).

Occhiuto (FI): “Governo ha vinto partita, ora riaprire ovunque”

“Questo governo misurava la sua efficacia dalla campagna vaccinale, e la partita l’ha vinta. Siamo partiti dal 60mila vaccinazioni al giorno e in due mesi siamo arrivati a 500mila, e ne avremo ancora di più. Siamo riusciti a reperire le dosi necessarie, su questo tema c’è stato un cambio di passo straordinario“. Lo fa presente Roberto Occhiuto, capogruppo di Forza Italia alla Camera, ai microfoni di Studio 24, su RaiNews24. “La vaccinazione della popolazione è il presupposto per alleggerire la pressione sugli ospedali, sulle terapie intensive, per far diminuire il numero dei decessi da Covid”, sottolinea. “Adesso il Paese può ripartire. La prima misura di carattere economico è quella delle riaperture. Riaprire ovunque, purché lo si faccia in sicurezza”, è la richiesta di Occhiuto, condivisa ovviamente dal tutto il centrodestra.

Ora il ministro della Salute Roberto Speranza e gli altri “rigoristi” giallofucsia hanno ben poco da obiettare a chi – centrodestra di governo e regioni – chiede di eliminare il coprifuoco e riaprire palestre, piscine, ristoranti al chiuso. Anche perché se dal 15 maggio tornano i turisti stranieri il Paese deve essere aperto.

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta