Il Primato Nazionale mensile in edicola

Arezzo, 4 apr – Aldo Poponcini, il comandante della Polizia municipale di Arezzo che per Pasqua e Pasquetta minacciava di controllare addirittura le quantità di cibo da asporto vendute dai ristoranti per calcolare il numero di invitati, adesso ci ripensa.



Arezzo, il “regno del Terrore” sul cibo da asporto

Avevano fatto discutere le dichiarazioni da regno del Terrore di Aldo Poponcini, comandante della Polizia municipale di Arezzo, che per la Pasqua preparava il pugno di ferro persino sul cibo d’asporto: “I miei agenti andranno a controllare le quantità dei prodotti da asporto: se c’è cibo per quindici o venti persone, è chiaro che sia destinato a un pranzo o a una cena di familiari e amici con gente radunata ben al di là del consentito. E agiremo di conseguenza».

Dietrofront del vigile-sceriffo

Oggi, il dietro front del vigile di Arezzo che, investito dalle polemiche e improvvisamente  conscio dell’assurdità delle disposizioni in un periodo in cui gli aretini sono già vessati da restrizioni e sanzioni (spesso assurde) ha deciso di mostrarsi più “tollerante”: “Il nostro richiamo è quello al rispetto delle regole”, taglia corto Poponcini. “Controlli fuori dai ristoranti di certo non ce ne saranno su quantità o numero” continua, intervistato Arezzo Tv Poponcini poi tira in ballo l’aumento dei contagi dopo Natale per “giustificare” un po’ le sue sparate della settimana scorsa. Insomma, i cittadini di Arezzo vivano la Pasqua tranquillamente, che Poponcini non controllerà le quantità dei loro pranzi coi parenti … Almeno questo, ve lo lasceranno.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Provate a indovinare come ha fatto a cambiare idea.
    !
    ?
    !
    …… ?
    Avete sbagliato.
    Riprovate con calma e fate profondi respiri.

Commenta