canone rai
Canone Rai: si pagherà con la bolletta dell’energia elettrica

Roma, 17 ott – La lotta all’evasione, ovvero: quando le soluzioni sono peggiori del male. Ammesso che di male si tratti. E quale miglio simbolo dell’infedeltà contributiva, escluso l’indiscusso primato dell’idraulico che non emette fattura, del vituperato canone Rai?

Canone Rai: vexata quaestio

L’evasione del contributo per la televisione pubblica ammonta a circa il 25%-30% di chi sarebbe tenuto a versarla. Un bel record, non c’è che dire. Ed in parte comprensibile, vista la scarsa qualità e le moli pubblicità ormai quasi a livello di televisione commerciale. Senza considerare che, ormai, il piccolo schermo si sta evolvendo dal modello generico a quello segmentato per fascia. Ovviamente, nonostante fior di consiglieri, la Rai anche qui è in clamoroso ritardo.

Rivedere – rivoluzionandolo – il ruolo della tv pubblica, pensare forse a qualche forma di privatizzazione o dismissione? Neanche per idea: il carrozzone va tenuto in piedi, in qualunque modo. A costo anche di arrivare a degli assurdi. Perché di questo si tratta.

Il canone Rai sbarca in bolletta

Nella legge di stabilità appena licenziata dal governo – e che, per onor di cronaca, deve ancora passare il vaglio parlamentare – è infatti comparsa, dopo numerose voci al riguardo, la norma sul pagamento del canone Rai in bolletta. Proprio così: l’imposta sulla detenzione dell’apparecchio televisivo sarà dovuta da chiunque è titolare di un allaccio alla rete elettrica. Si prevede un pagamento rateale, senza alcuna esenzione automatica. E nemmeno vincolata al possesso dell’apparecchio: basterà detenere un tablet, un computer, un telefono smartphone o qualsiasi altro strumento idoneo a usufruire dei palinsesti. Cominciano già a circolare, fra il serio ed il faceto, richieste di accedere ai bonus bebé da parte di chi, non essendo genitore, è comunque dotato degli strumenti idonei per diventarlo.

Di converso, a partire dal 2016 si prevede una riduzione dell’importo, dagli attuali 113.50 a 100 e poi 95 euro dal 2017 in avanti. Sanzioni fino a 500 euro per chi non si adegua. La logica è quella, sempre più trita e ritrita, del “pagare meno ma pagare tutti”. Anche chi non dovrebbe.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here