tempo indeterminato polettiRoma, 24 feb – Era inevitabile questione di pochi mesi e, con la fine degli incentivi, le aziende sono tornare a non assumere più. E’ così che nel 2016 si è assistito ad un vero e proprio tracollo verticale delle assunzioni a tempo indeterminato.

Sono dati impietosi quelli dell’osservatorio Inps sul precariato, che parla di un quasi dimezzamento dagli oltre 2 milioni di rapporti stabili del 2015 agli 1,2 milioni registrati l’anno scorso. Un passo del gambero notevole, che fa tornare i numeri indietro su livelli inferiori addirittura rispetto al 2014.

La dinamica delle assunzioni è positiva (+340mila) solo grazie al contributo dei rapporti di lavoro a termine, tornati a crescere – una coincidenza pressoché perfetta – con il progressivo esaurirsi degli incentivi per quelli a tempo indeterminato: “Il risultato del 2016 è imputabile prevalentemente al trend di crescita netta registrato dai contratti a tempo determinato, il cui saldo annualizzato, pari a +222.000, ha significativamente recuperato la contrazione registrata nel 2015 (-253.000), indotta dall’elevato numero di trasformazioni in contratti a tempo indeterminato”, spiegano dall’Inps.

Non va meglio nemmeno per le retribuzioni iniziali dei nuovi rapporti: “Si registra, per le assunzioni a tempo indeterminato intervenute nel corso del 2016, una riduzione della quota di retribuzioni inferiori a 1.750 euro, che passa dal 60,6% del 2014 e del 2015 al 57,3% del 2016. Si tratta di una tendenza registrata anche nei mesi precedenti”, si legge sempre nel rapporto dell’Istituto.

Come previsto, scaduti gli incentivi per assunzioni e trasformazioni, le aziende hanno dunque riportato sulla terra le speranze del ministro Poletti. Il segnale che arriva è chiaro: le mancate assunzioni non sono dovute all’impossibilità di licenziare più liberamente (opportunità offerta dal Jobs Act per i contratti a tempo indeterminato di nuova attivazione), ma ad una mera questione contabile, legata al cuneo fiscale sul lavoro che è tornato a salire dopo che il governo non ha rinnovato gli sgravi contributivi.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here