Il Primato Nazionale mensile in edicola

mario-draghi-banksterBruxelles, 4 feb – “Forze che cospirano per tenere bassa l’inflazione”. Mario Draghi parla come Adam Kadmon e addossa a misteriose forze che agiscono nell’economia globale la colpa di “rallentare il ritorno dell’inflazione ai nostri valori di obiettivo”. Il presidente della Bce aveva fissato al 2% l’obiettivo da raggiungere in termini di inflazione, mentre nello scorso gennaio non si è andati oltre lo 0,4%. La resa è sancita nel bollettino della Banca Centrale Europea diffuso oggi, dove si prevede che nei prossimi mesi l’inflazione possa addirittura girare in negativo. Lo scenario futuro prevederà un nuovo supporto all’economia e ai mercati, visto anche che la ripresa dell’eurozona si basa esclusivamente sui consumi privati mentre l’export continua a calare.



In realtà Draghi non si è trasformato tutto d’un tratto in un teorico del complotto (come potrebbe, lui che è chiaramente rettiliano) e le forze che rallentano l’inflazione si chiamano indebolimento di petrolio e materie prime e cambiamenti demografici. Dunque il presidente della Bce dovrà rimettere mano ai cordoni della borsa. “Quello che conta è che le banche centrali agiscano nell’ambito dei loro mandati per attuarli. Nell’area euro, questo può creare sfide diverse da quelle poste in altre giurisdizioni. Ma queste sfide possono essere mitigate. E non giustificano l’inazione”.

Draghi lo ha rimarcato anche ad un evento organizzato dalla Bundesbank, dove le politiche espansive del presidente della Bce non sono proprio per così dire ben viste. “Non ci Possono essere dubbi sul fatto che, se decidessimo di adottare politiche ancora più accomodanti, il rischio di effetti collaterali non ci fermerebbe. Abbiamo sempre in mente la necessità di limitare le distorsioni causate dalle nostre politiche. Ma la priorità è l’obiettivo di stabilità dei prezzi. E’ questo il significato del principio della dominanza monetaria che è iscritto nei trattati e che rende credibile la politica monetaria”.

 

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Come alcuni sapranno, la BCE è privata e di proprietà di pochissimi plutocrati appartenenti alle logge massoniche oligarchiche(contrapposte a quelle democratiche a favore dello sviluppo armonioso dei popoli- vedi libro del Maestro Magaldi dal titolo”Massoneria; società a responsabilità limitatata”) .La Banca d’Italia, anche essa in mano straniera dal 1992, anno della privatizzazione di Credito Italiano e Banca Intesa che ne detenevano la maggioranza, detiene un 16% della BCE insieme alle altre banche centrali europee, tutte private(il trucco è lasciare il nome di Banca d’Inghilterra o di Francia o d’Italia malgrado siano private!!). Anche la FED è delle stesse famiglie(in circa 67 persone hanno oltre la metà delle ricchezze finanziarie mondiali(e alle masse fanno credere che Bill Gates è l’uomo piu’ ricco del mondo!)Le Banche centrali stampano carta al posto dei governi a costo zero e in cambio di questa carta i banchieri centrali si prendono tutte le proprietà dei paesi(e pensate che il denaro creato lo mettono tra le passività e tra le attività mettono i titoli di stato acquistati creando una evasione fiscale stellare!!).
    Oggi siamo arrivati al punto che questi banchieri fanno comperare alle banche sempre di loro proprietà titoli spazzatura prodotti da loro con ottimi rating fino al giorno prima(le società di rating principali sono tutte loro!!) prendendo cosi’ tutti gli averi dei risparmiatori e sapendo di riprenderne altrettanti quando gli stati devono rimpinguare le banche private che hanno perso enormi capitali. Insomma i soldi gli fanno 2 volte cosi’ ma sopratutto rendono poveri e schiavi intere nazioni. Senza piu’ vergogna e con l’aiuto dell’ esercito di pennivendoli e media vari oggi ci dicono che nemmeno i risparmi individuali di una vita verranno salvati. I loro media poi cercano di convincerci addirittura ad eliminare il contante per renderci schiavi del tutto dato che chi protesterà si troverà senza credito e non potrà nemmeno chiedere l’elemosina, non essendoci contanti.
    Insomma siamo messi male con una Banca d’Italia privata che deve controllare le altre banche(insomma i controllati si controllano da soli!) e vicini alla rapina finale degli sforzi di una vita che sono i risparmi. Se la gente non mette in galera queste poche decine di persone che complottano da secoli e sono vicini all’ obiettivo sarà la fine di ogni libertà , di ogni benessere ,dell’ Italia e della famiglia
    E’ inoltre urgente che si lotti per nazionalizzare la Banca d’Italia e le principali banche!!

Commenta