germania crescita frena
La Germania frena: Pil terzo trimestre fermo ad uno scarso +0.3%

Berlino, 13 nov – La Germania si è inceppata? A vedere i dati relativi al terzo trimestre di quest’anno, sembra che la locomotiva d’Europa abbia dato una decisa frenata al suo motore diesel.

La Germania frena

Nel periodo luglio-settembre, il prodotto interno lordo è cresciuto di un debole +0.3%, dopo che nei tre mesi precedenti aveva fatto registrare un altrettanto scarso +0.4%. Meglio i dati su base annuale, che mostrano un più lusinghiero +1.8%.

La prospettiva di medio termine non è comunque positiva per un paese abituato a ben altre cifre: a fronte dell’aumento dei consumi privati, spiegano infatti dal Destat, l’istituto di statistica, risultano in diminuzione gli investimenti in macchinari e attrezzature.

Pesa il calo della domanda estera

Buona parte della mancata crescita della Germania è dovuta al fatto che l’aumento della domanda interna non è riuscita a compensare il rilevante calo di quella estera. “Secondo le stime preliminari – scrivono sempre i tecnici del Destat – la crescita è stata penalizzata dal commercio estero, perché le importazioni sono cresciute molto più intensamente che l’export”.

Una dinamica preoccupante, se si pensa che la costruzione della moneta unica – con l’euro svalutato rispetto al fu marco – ha spinto l’acceleratore della Germania proprio grazie alla possibilità di sfruttare la domanda degli altri paesi dell’eurozona. Ancora più preoccupante considerando che lo scandalo Volkswagen è esploso solo nella seconda metà di settembre e, quindi, i suoi effetti ancora non sono stati recepiti nei dati ufficiali di contabilità nazionale.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here