Fusione Wind e 3Roma, 11 mar – Si fanno sempre più insistenti le voci su una fusione fra Wind e H3G, più nota come “3”, due fra i principali operatori di telefonia mobile in Italia. Secondo indiscrezioni, i consulenti di Deutsche Bank, Goldman Sachs e Hsbc sono in queste ore al lavoro a sostegno dei rispettivi committenti: il gruppo olandese Wimpelcom, che controlla Wind, e il gruppo di Hong Kong Hutchinson Wampoa, proprietaria di 3.

Le consultazioni sarebbero già avanzate, rimanendo da definire gli assetti relativi alla governance della futura società. Proprio attorno a questo punto emergerebbero le principali problematiche, legate al controllo post-fusione. Wind è infatti una società più grande, più redditizia e con maggiori clienti rispetto a 3. Logico che Vimpelcom chieda maggiori poteri una volta concluso l’accordo, a meno che Hutchinson Wampoa non decida di liquidare la differenza in contanti.

In quest’ultimo caso, il colosso guidato dal magnate Li Ka-Shing avrebbe il 51% della società risultante dalla fusione, una realtà con oltre 30 milioni di clienti e  in grado di competere praticamente alla pari con Tim e Vodafone.

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta