inpsRoma, 20 ott – Quasi due milioni di pensionati hanno assegni inferiori ai 500 euro mensili. È questo uno dei dati agghiaccianti che emergono dal bilancio sociale 2014 dell’Inps.

Inoltre ben il 42,5% dei pensionati italiani (6,5 milioni di persone, quasi uno su due), ha un reddito da pensione inferiore ai 1.000 euro.

Dei 15,5 milioni di pensionati, 724 mila, pari al 4,6%, hanno un reddito medio mensile di oltre 4.300 euro. Il reddito medio più basso è dei pensionati residenti al sud: 1.151 euro; al nord si sale a 1.396 euro, mentre al centro si arriva a 1.418 euro.

Nel complesso il numero dei lavoratori iscritti all’Inps (privati e pubblici) è risultato pari nel 2014 a 22.067.086 unità con aumento di 142.821 lavoratori rispetto ai 21.924.265 del 2013. L’aumento è dovuto solo all’inserimento nel totale dei dipendenti pubblici a tempo determinato.

Ma è soprattutto quel dato a gridare vendetta: ben 1,88 milioni di pensionati (12,1%) ha assegni inferiori ai 500 euro, il che significa praticamente miseria assoluta. E mentre continuiamo a leggere articoli entusiasti per la presunta ripresa in arrivo, i nostri anziani sono costretti a rovistare nei cassonetti.

Roberto Derta

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here