natale acquisti commercioRoma, 27 dic – Un Natale in chiaroscuro per gli acquisti delle festività, fra cenoni della vigilia, pranzi del 25, regali e altro, in quello che è – per il commercio – il periodo più intenso dell’anno. Dopo otto lunghi anni di crisi, sembra infatti che gli italiani abbiano riprendo a comprare, con un aumento del 3% rispetto al 2014. Lo rivela il Codacons a margine di un suo studio.

A trainare gli acquisti del periodo sono principalmente alimentari e prodotti ad alta tecnologia. Per i primi l’aumento è del 5%, con una marcata preferenza per i prodotti made in Italy. Segno negativo invece per il settore viaggi, che registra un sensibile calo delle prenotazioni e in particolare verso le capitali europee: a pesare, in questo caso, è la paura dopo gli attentati di Parigi. “In generale i consumi natalizi sono andati addirittura meglio delle aspettative e delle previsioni, e la spesa pro capite ha superato quota 168 euro – spiegano dall’associazione -. Sono stati così smentiti i soliti “corvi” del Natale, ossia coloro che avevano parlato di spesa ferma o in diminuzione per le famiglie e di un Natale amaro che non solo non c’è stato, ma addirittura si è rivelato più dolce delle aspettative”.

A farla da padrone è, soprattutto, il prezzo del petrolio, mai così in basso (in media) da oltre 10 anni a questa parte. Un discreto turbo aggiuntivo per un’economia che stenta ancora a crescere: il riflesso del valore dell’oro nero sull’intero ciclo di produzione/vendita è arcinoto e produce effetti a cascata in quelle economie, come l’Italia e l’Europa, che sono importatrici nette. Resta comunque il dubbio: con questo inatteso vantaggio, potremmo fare di più? La risposta sembra essere affermativa, specie se si guardano a dati più indietro nel tempo. Ed è lo stesso Codacons a farlo, quando spiega che “la differenza di spesa rispetto al periodo pre-crisi è ancora molto elevata: nel 2007 “l’effetto Natale”, ossia i maggiori consumi per spese natalizie effettuate nel mese di dicembre presso negozi, grande distribuzione e centri commerciali, è stato pari a 18 miliardi di euro. Nel 2015 invece la spesa degli italiani nell’intero periodo natalizio è stata di 10,1 miliardi di euro: ciò significa che ci sono ancora 7,9 miliardi di euro di minori consumi da recuperare“.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here