salvabanche protestaCivitavecchia (Rm), 10 dic – Un pensionato 68enne di Civitavecchia, provincia di Roma, si è tolto la vita dopo aver perso tutti i suoi risparmi nel crac, “pilotato” dal decreto salvabanche, di Banca Etruria. Il fatto risale al 28 novembre, quando la moglie l’aveva trovato esanime impiccato alle scale della villetta, ma solo in questi giorni è circolata la notizia.

L.D.A – queste le iniziali dell’uomo – ha spiegato le ragioni del gesto in una lettera trovata sul suo computer, nella quale si evincerebbe il collegamento tra l’estremo gesto e l’azzeramento del valore dei titoli bancari da lui posseduti. Il pensionato era infatti obbligazionista di Banca Etruria, nella quale aveva investito oltre 100mila euro di risparmi di una vita. Soldi andati totalmente in fumo quando, con l’approvazione del salvabanche, i titolari di obbligazioni subordinate si sono ritrovati con un pugno di mosche in mano.


“Pensionato suicida a Civitavecchia perché, per colpa di Banca Etruria e di un governo assente, aveva perso i risparmi di una vita. Un suicidio di Stato“, commenta amaramente Matteo Salvini dal suo profilo Facebook. Il leader del Carroccio sarà, oggi pomeriggio, ad Arezzo per incontrare quei risparmiatori che, insieme a quelli di Carife, Carichieti e Banca Marche sono stati “fregati da Banca Etruria, dall’Europa e dal governo”.

Sono circa 130mila le famiglie coinvolte dalla scelta dell’esecutivo che, con un tratto di penna, ha bruciato quasi 800 milioni – secondo le prime stime – di risparmi degli italiani. “Avete salvato le banche, avete inguaiato noi”, continuano a ripetere i clienti dei quattro istituti finiti nella morsa del salvabanche, mentre le associazioni Adusbef e Federconsumatori chiedono alla procura competente “di aprire una indagine per istigazione al suicidio, verificando se il decreto di Bankitalia recepito dal Governo, sia compatibile con le norme penali e con la Costituzione italiana, che all’articolo 47 tutela il pubblico risparmio”.

Filippo Burla

Commenti

commenti

1 commento

  1. Da denunciare spero che i parenti trovino un buon avvocato che sfidi i poteri forti e vinca la causa
    Riposi in pace un abbraccio alla famiglia
    La mia solidarietà per tutte le famiglie fregate dalle banche …

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here