Il Primato Nazionale mensile in edicola

ttip franciaParigi, 31 ago – A pochi giorni dalla “rivelazione” del ministero dell’Economia tedesco (sia pur corretta poi al ribasso dal portavoce della Merkel), secondo cui i negoziati per il Ttip sono tecnicamente falliti, anche la Francia cala l’asso e sembra defilarsi dalle trattative per l’accordo transatlantico di libero scambio.



Non c’è più sostegno politico della Francia a questi negoziati“, ha spiegato ad un’intervista radiofonica il sottosegretario al commercio internazionale, Matthias Fekl. La Francia, in sostanza, è intenzionata a chiedere un’interruzione a tempo indeterminato delle tornate di incontri. Non perché non condivida lo scopo del trattato, ma perché al momento le discussioni non sono condotte con Europa e Stati Uniti su pari livello. “Gli americani – ha continuato Fekl – non concedono nulla se non le briciole, ma non è così che si negozia fra alleati“. Da qui l’impossibilità, ribadita anche da Hollande, di chiudere entro breve termine: “E’ inutile alimentare l’illusione di un accordo prima della fine del mandato di Obama”, ha ammesso il presidente transalpino. E così, il 22 settembre, in occasione del consiglio europeo, la Francia formalizzerà la richiesta di bloccare l’iter fino a quando non si potrà riprendere su altre basi.

Una posizione, quella di Parigi, che trova sempre più consensi. Ad eccezione dell’Italia, che con il ministro per lo Sviluppo Economico ed ex rappresentante permanente presso l’Ue, Carlo Calenda, fa professione di ineluttabilità e fatalismo: “Il Ttip è inevitabile. Gli Stati Uniti sono i nostri principali partner economici e politici. Se non negoziamo con loro con chi altro dovremmo farlo?”. Ormai è rimasto solo lui a crederci.

Filippo Burla

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta