Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 18 apr — Comincia il pressing del centrodestra per l’eliminazione del coprifuoco. Non casualmente il leader della Lega, Matteo Salvini, subito dopo il rinvio a giudizio per il caso Open Arms ha introdotto l’argomento, ancora sull’uscio del tribunale palermitano, a significare la centralità di questa richiesta politica. «Proviamo ad andare a eliminare il coprifuoco» ha dichiarato alla stampa uscendo dall’aula bunker. Ed è poi tornato sul punto, sui suoi canali social. «Riapertura bar, ristoranti, attività sportive, economiche e culturali all’aperto entro aprile. Fatto. Prossimi obiettivi: anticipare riaperture al chiuso e cancellare il coprifuoco delle 22. Avanti, non si molla».

Sangue di Enea Ritter

Il pressing sul Premier Mario Draghi era iniziato già nella infuocata cabina di regia, presente il Ministro leghista Giorgetti il quale aveva fatto rilevare la assoluta incongruità logistica di questa misura, così gravemente lesiva per le attività di ristorazione. Ed in effetti ad oggi nessuno ha mai davvero spiegato il senso scientifico del coprifuoco, se non la sua natura di controllo sociale per evitare, semplicemente, che la gente stia fuori di casa.

Black Brain

Contro il coprifuoco spara ad alzo zero anche la leader di FdI, Giorgia Meloni, la quale osserva: «Misure come il coprifuoco, misure sulla limitazione della libertà personale degli individui in una nazione libera e democratica non sono concesse al governo, non è nelle prerogative del governo stabilire se e quando puoi uscire di casa». Ha poi proseguito: «noi siamo stati responsabili, perché siamo stati un popolo serio, ma dopo oltre un anno non è più consentito chiudere la gente dentro casa, oltre tutto se non ci sono delle ragioni per farlo, perché il coprifuoco con il Covid non c’entra niente». Le restrizioni come il coprifuoco «sono prove generali per educarti a fare quello che il governo pensa tu possa e debba fare, ma la limitazione delle libertà fondamentali in una nazione come la nostra dopo un anno e mezzo non è più tollerata e tollerabile. Quindi basta coprifuoco. Per un fatto di principio, perché è un precedente gravissimo e perché ovviamente è pure una presa in giro che puoi andare a cena ma alle 10 devi stare a casa».

Non tutto il centrodestra sembra però compatto sul chiedere la eliminazione senza se e senza ma dell’obbligo di stare in casa dalle ore 22 alle 5. Il ministro Gelmini, di Forza Italia, sposa infatti la linea del Premier Draghi, ovvero quella della prudenza e del «rischio calcolato». «Il governo si è assunto la responsabilità vista la riduzione del numero dei contagi e l’aumento delle vaccinazione di procedere a progressiva e graduale riapertura delle attività economiche all’aperto a partire dal 26 aprile e quindi complice la bella stagione sarà possibile progressivamente tornare al ristorante, al bar, a frequentare i luoghi dello sport, i teatri e le manifestazioni all’aperto», ha dichiarato, lasciando intendere che il ritorno alla normalità deve, per ora, essere graduale.

Sulle pressioni di parte del centrodestra interviene lapidario il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, che invita a non correre sul coprifuoco visto che «i numeri non sono ancora così buoni da abbattere le restrizioni», assicurando però che «le riaperture sono ‘irreversibili: non dovremo più temere di dover chiudere». Insomma, il coprifuoco alle 22, ha fatto sapere ieri sera Palazzo Chigi, resterà in vigore almeno fino al prossimo 30 maggio. «È un punto fermo».

Cristina Gauri

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteTasse: la pressione fiscale continua a salire
Articolo successivoDdl Zan: i 5 motivi per opporsi ad una norma liberticida
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

3 Commenti

  1. io sono elettore FDI,e contemporaneamente,
    un gestore di locali pubblici.
    in questo periodo lavoro per asporto e ho subito parecchi danni,
    dalle limitazioni covid.

    nonostante questo…
    e nonostante il fatto che condivido il modo di pensare della meloni e di salvini al riguardo,
    davo ammettere che se c’è UNA norma che appare ragionevole in fatto di contrasto al covid,
    è proprio il coprifuoco.
    parlando da gestore,nell’anno appena passato ho avuto parecchie difficoltà
    a far rispettare le distanze di sicurezza durante la movida dei fine settimana:sopratutto ai giovani
    (che pensano di essere immortali
    o qualcosa del genere)
    ma non solo.

    questa norma riduce parecchio
    quel problema,costringendo quasi tutti a rientrare a casa prima
    di cominciare a “scaldarsi”
    quindi sopratutto considerando che arriva la bella stagione,
    io partirei dalle riaperture (con le distanze di sicurezza ovviamente)
    ma il coprifuoco mi sa che è l’ultima delle limitazioni da togliere:
    sopratutto considerando che la variante brasiliana è pericolosa
    ANCHE per i giovani,basta guardare quello che sta succedendo in brasile.

    PS:
    VOLETE DECIDERVI A MODIFICARE IL TRASPORTO PUBBLICO?
    è inutile che rompete le scatole sulle chiusure o le limitazioni,se poi
    costringete la gente a viaggiare su treni e autobus tipo barile di acciughe….

    • Poco interessato il tuo commento! Una volta incassato andate a fare in c..o. Cosa bisogna fare secondo te affinché nei locali come i tuoi con l’ andar delle ore non si generino alcuni “mostri”? Davvero solo il coprifuoco?

Commenta