Schermata 2015-06-01 alle 08.31.26Roma, 1 giu – Alessandra Moretti, all’apice del delirio, aveva preconizzato un 7-0 per il Pd. Matteo Renzi, più prudentemente, si aspettava un 6-1. Alla fine questa tornata delle elezioni amministrative finisce con 5 regioni a 2 per il centrosinistra.

Ma il bicchiere sembra decisamente mezzo vuoto in casa Pd. Il centrosinistra conserva la guida della Regione in Marche, Puglia e Toscana. In Umbria fa più notizia la riduzione del margine fra Ricci e la Marini che la vittoria di quest’ultima nella coalizione di centrosinistra. Vince il Pd anche in Campania, ma qui c’è il nodo De Luca, un vincitore che forse, a causa della legge Severino, non potrà governare.

In Veneto Zaia umilia la già citata Moretti e la Lega archivia con successo lo strappo di Tosi. Clamorosa la sconfitta in Liguria, passata a Tosi e al centrodestra. Nel complesso il Pd è il primo partito con il 23,7%; secondo è il M5s con il 18%, terzo la Lega al 12,5%. Forza italia è al 10,7%, Fratelli d’Italia al 4,2%, Area popolare al 3,5%.

Politicamente questo significa alcune cose: che nel Pd si è aperta una vera e propria crisi interna, dato che le divisioni fra renziani e minoranza hanno evidentemente avuto un’influenza sul voto (la Liguria era stata una delle regioni in cui più lo scontro si era fatto duro).

Che la Lega è ufficialmente il primo partito del centrodestra e che va bene ormai anche al centro, con affermazione importante del più salviniano dei candidati, Claudio Borghi. Da oggi, quindi, Salvini parlerà a tutti gli effetti da leader.

C’è, infine, il dato del Movimento 5 Stelle, che tutti davano ormai in decadenza ma che è andato bene come non mai alle amministrative, un tipo di elezioni dove i grillini avevano spesso arrancato.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

3 Commenti

  1. ma quel vittoria ?
    han vinto 5-2.
    si certo ha votato il 50% e il 50% è stato a casa ma il mainstream pidiota non lo dice.
    purtroppo chi non vota (io) non conta nulla.
    salvini deve fare la LEGA NAZIONALE. adesso. oggi.
    solo la lega nazionale può drenare i voti al puttaniere e battere il pd.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here