Roma, 15 nov – Roma, 15 novembre – “Attenzione per entrare in Italia serve la certificazione verde”. E’ quanto si legge sui cartelli affissi dai militanti di CasaPound in porti, spiagge, valichi di frontiera e aeroporti in diverse regioni d’Italia. Un’azione goliardica contro il green pass, correlata da un video altrettanto ironico in cui Cpi denuncia quella che giudica una palese discriminazione – tanto grottesca quanto paradossale – messa in piedi dal governo guidato da Mario Draghi.



Immigrazione e green pass, CasaPound: “Situazione ridicola e paradossale”

“Mentre ai cittadini italiani viene chiesto il green pass per svolgere attività essenziali come lavorare e recarsi negli ambulatori medici, le nostre frontiere vengono varcate ogni giorno da centinaia di immigrati, senza nessun tipo di controllo”, si legge nella nota del movimento.

“Il pericolo covid e gli obblighi imposti dal governo Draghi valgono solo per gli italiani?”, si chiede Cpi. “Ci troviamo di fronte a una situazione ridicola e paradossale: chi contribuisce alla crescita del paese, con il proprio lavoro e le proprie tasse, deve subire continue misure restrittive che non hanno nessuna base sanitaria. Chi, invece, varca illegalmente i confini della nostra Nazione può muoversi indisturbato e rifiutare tamponi e misure sanitarie, senza che nessuno si scandalizzi”.

E ancora: “Chi protesta pacificamente contro una misura considerata illegittima viene additato come nemico del popolo, mentre le decine di criminali che entrano indisturbati nel nostro paese, facendo perdere poi le loro tracce, diventano “risorse”. È questa la serietà di questo governo?”. Infine la stoccata ai politici silenti: “Ci troviamo di fronte a un mondo politico fatto di pagliacci anti-italiani e quello che sta accadendo nei nostri porti e alle nostre frontiere non ne è che l’ennesima dimostrazione”, tuona CasaPound.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta