Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 15 gen – Strappi, ritagli, cuciture e via di ripensamenti. Dopo la rottura con il premier Conte, apparentemente insanabile, Italia Viva potrebbe fare marcia indietro e rientrare nei ranghi. Ammesso che Pd e M5S intendano stare al gioco e non contino già di avere la necessaria pattuglia di cosiddetti “responsabili” pronti a salvare il traballante esecutivo. La carta della pacificazione l’ha comunque giocata nel pomeriggio la renziana Elena Bonetti, ormai ex ministra alle Pari Opportunità e alla Famiglia: “Se le forze dell’attuale maggioranza ritengono che ci sia il tempo di uno scatto di responsabilità per dare una svolta all’azione di Governo, Italia Viva c’è“, afferma la Bonetti a SkyTg24.



Italia Viva è davvero pronta a fare marcia indietro?

Ma quello dell’ex ministro non è il solo tentativo di riaprire una porta che fino a poche ore fa sembrava definitivamente chiusa. “Noi abbiamo chiesto al presidente del Consiglio finalmente di occuparsi di sciogliere alcuni nodi che sono irrisolti all’interno della maggioranza di governo. Se il presidente del Consiglio pratica questa strada noi ci siamo”, dice Davide Faraone, capogruppo di Italia Viva al Senato. Ma anche un altro esponente di Iv, la senatrice Donatella Conzatti, chiede un confronto: “Sediamoci ad un tavolo, ci sono margini di dialogo per far ripartire l’Italia”, dice al quotidiano ilDolomiti.it.

Black Brain

Sempre oggi la senatrice Conzatti ha però tuonato: “Responsabile sì, ma nei confronti di Italia Viva. Dopo aver letto tante indiscrezioni uscite nelle ultime ore che mi annoverano tra i possibili ‘responsabili’ tengo a sottolineare, ancora una volta, che non faccio e non farò parte dei cosiddetti responsabili. Rimaniamo costruttivi e disponibili ad un patto di legislatura. Possiamo correre assieme per l’Italia ma per correre dobbiamo ristabilire una direzione di marcia comune chiara.  Se così non sarà faremo politica, compatti, dai banchi dell’opposizione”. Resta a questo punto l’interrogativo principe di questo braccio di ferro politico: Matteo Renzi è pronto a compiere una clamorosa piroetta? Non è ancora chiaro, ma non è del tutto improbabile.

Alessandro Della Guglia

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Che schifo; di Renzi si credeva di aver già detto tutto, ci sbagliavamo perché c’è rimasto da dire ancora qualcosa. Sembrava che avesse superato il punto di non ritorno e invece non lo aveva superato. Ditelo voi quel qualcosa che c’era rimasto da dire; io mi vergogno di usare certi termini. Però a quei quattro beoti che gli sono corsi dietro, gli sta bene. Speriamo che non abbiano più la faccia di farsi vedere in giro tanto meno in tv.

Commenta