Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 giu – Giorgia Meloni asfalta Roberto Speranza: la sua gestione della pandemia è un “incontrovertibile disastro“. Altro che toni trionfali dunque per lo stop più che tardivo alla mascherina all’aperto (fissato inspiegabilmente, visto che siamo tutti in zona bianca a parte la Valle d’Aosta, al 28 giugno). La leader di Fratelli d’Italia, in linea peraltro con le numerose critiche nei commenti sotto l’annuncio di Speranza su Facebook, proprio sullo stesso social punta il dito contro l’esponente di LeU.



Meloni contro Speranza: “Tra ultimi a togliere mascherina e ha pure faccia tosta di rivendicarlo”

“Il ministro Speranza – scrive su Facebook la leader di FdI – annuncia trionfante l’abolizione dell’obbligo di mascherine all’aperto in zona bianca a partire dal 28 giugno. Quanta grazia, ministro. Siamo tra le ultime Nazioni in occidente ad abolire un obbligo assurdo, privo di qualsiasi fondamento scientifico e il ministro della Salute ha pure la faccia tosta di rivendicare il risultato“. In effetti, come dicevamo, in tanti sotto il post di Speranza hanno commentato con toni più o meno simili il fatto che ci fosse ben poco da esultare. E mentre su Twitter imperversa l’hashtag #Speranzadimettiti, non manca l’ironia, come nel caso di chi scrive: “Meglio tardi che mai… La mascherina all’aperto è utile come la forchetta per la minestra”.

Black Brain

La leader di FdI condanna la “catastrofica gestione” del ministro della Salute

Altro che toni trionfali dunque, la Meloni spiega che “la realtà è che la sua catastrofica gestione dell’emergenza sanitaria ha visto l’Italia tra le Nazioni che hanno il più alto tasso di mortalità da Covid-19, nonostante le restrizioni più stringenti. I numeri parlano chiaro e inchiodano in maniera incontrovertibile il disastro della gestione Speranza“, conclude la leader di FdI.

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta