Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 31 ago – “Obbligo vaccinale? Iniziamo dagli statali, con l’obbligo del green pass“: così il ministro della Salute Roberto Speranza apre all’estensione del vaccino obbligatorio anche per i dipendenti pubblici. Dopo operatori sanitari e personale scolastico il governo accarezza l’idea, caldeggiata peraltro anche dai ministri di Forza Italia, di rendere obbligatorio il vaccino per tutti gli statali. Come? Estendendo appunto l’obbligo della certificazione verde. Già da ottobre.



Speranza: “Obbligo vaccinale? Iniziamo dagli statali”

L’obiettivo del governo Draghi, come viene ripetuto a ogni piè sospinto, è raggiungere quota 80% di vaccinati entro ottobre (oggi siamo intorno al 70%). E per farlo, visto che l’obbligo indiretto – ossia il green pass – non avrebbe funzionato abbastanza, si sta valutando l’estensione dell’obbligo diretto. Come? estendendo ancora di più le restrizioni. “Si può valutare se procedere con l’estensione del passaporto vaccinale – conferma a Repubblica Speranza -. Ad esempio per i dipendenti della pubblica amministrazione“. Al lavoro, in tal senso, è il ministro della Pa Renato Brunetta, tra i più convinti sostenitori dell’obbligo vaccinale per gli statali.

Black Brain

Green pass, estensione dell’obbligo ai dipendenti pubblici

“Abbiamo fortemente voluto il green pass  – fa presente sempre su Repubblica il ministro per gli Affari regionali Maria Stella Gelmini – e siamo favorevoli all’obbligo vaccinale. Se nel giro di qualche settimana non si raggiunge l’80% di immunizzati credo che sarebbe giusto prevedere una forma di obbligo vaccinale, almeno per chi svolge funzioni pubbliche”. Posizione che – neanche a dirlo – è condivisa dal Pd, da Italia Viva e ovviamente da Speranza. Anzi, il ministro della Salute anticipa che sono in corso trattative con sindacati e imprese per estendere il green pass ai luoghi di lavoro. Certificazione verde che, come è noto, da domani 1 settembre, sarà obbligatoria anche per i trasporti a lunga percorrenza. Estendere l’obbligo sul posto di lavoro è il passo precedente all’estensione dell’obbligo vaccinale, dunque. E comunque con l’obbligo della certificazione verde, pur di non fare continuamente tamponi, i lavoratori si vedranno costretti a farsi il vaccino.

Cts per l’obbligo vaccinale

Dal canto suo, il Comitato tecnico-scientifico già da giorni che per evitare che in autunno aumentino i ricoveri dei non vaccinati contro il Covid va introdotto l’obbligo vaccinale. Obbligo che però non piace né alla Lega né al M5S. Ecco perché Draghi potrebbe estendere “solo” l’obbligo del green pass ad ulteriori attività e servizi. Così da spingere chi ancora non ha fatto il vaccino a immunizzarsi. Tutto dipende dai dati sui ricoveri delle prossime settimane.

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Chiunque soffra di effetti collaterali da queste terapie geniche sperimentali (che non contengono il covid 19 attenuato dato che non è mai stato isolato),faccia subito causa a questo dottore in scienze politiche , dato che l’ignoranza o la malafede non levano dalle responsabilità di aver attentato alla salute pubblica.Per ora in europa siamo a 20 mila morti e centinaia di migliaia di effetti collaterali, anche gravi,subiti dalle cavie.Dati i numeri è probabile che Speranza non abbia nemmeno un garage intestato, come accadde per l’ex governatore della campania Bassolino!! E adesso vogliono anche vaccinare le donne incinta con questa proteina genetica! Non c’è limite al peggio!!

Commenta