Il Primato Nazionale mensile in edicola

legalizzazione cannabisRoma, 30 giu – La discussione della proposta di legge sulla legalizzazione della cannabis arriva in Parlamento. L’Aula della Camera farà la discussione generale il 25 luglio e dal giorno dopo inizierà la votazione. “È un risultato importantissimo perché la nostra richiesta di arrivare a un voto di Montecitorio prima della pausa estiva è stata esaudita”, ha spiegato il sottosegretario agli Esteri Benedetto della Vedova, promotore dell’intergruppo per la legalizzazione della Cananbis. “Abbiamo atteso oltre un anno dal deposito di questo testo di legge, che ha un consenso trasversale che si è tradotto in 220 firmatari, a cui se ne stanno aggiungendo altri giorno dopo giorno”. La proposta di legge è stata firmata dai rappresentanti di diverse forze politiche. Nello specifico ci sono 85 deputati del Pd, 86 del Movimento 5 Stelle, 24 di Sel, 7 di Scelta Civica, un’altra ventina dei gruppi misti e anche due deputati di Forza Italia.

La proposta di legge ovviamente non legalizzerebbe lo spaccio, che rimarrebbe comunque illecito, ma stabilisce il principio della lecita detenzione di una quantità di cannabis per uso ricreativo pari a 5 grammi – che diventano 15 nel proprio domicilio privato – senza il bisogno di alcuna autorizzazione o comunicazione alle autorità pubbliche. Altro aspetto importante è quello della coltivazione, visto che sarà possibile coltivare fino a 5 piante di cannabis di sesso femminile. Ma se in parlamento si è creato un fronte piuttosto trasversale per far approvare la proposta di legge, c’è anche chi esprime delle obiezioni e delle perplessità, come il ministro per gli Affari Regionali Enrico Costa: “Con una mano combattiamo le ludopatie, i tumori, la tossicodipendenza e, con l’altra mano, godiamo delle risorse derivanti dal gioco, dal fumo e, magari domani, dalla legalizzazione della cannabis. È coerente tutto questo?”.

Per la vendita al dettaglio dei “prodotti” derivanti dalla cannabis verrebbe in ogni caso istituito il regime di monopolio, mentre verrebbe semplificata anche la procedura per l’individuazione delle aree per la coltivazione di cannabis destinata a preparazioni medicinali e delle aziende farmaceutiche autorizzate a produrle, in modo da soddisfare il fabbisogno nazionale. Rimarrebbe comunque il divieto di fumo di marijuana e hashish in luoghi pubblici, aperti al pubblico e negli ambienti di lavoro, pubblici e privati. Sarà possibile fumare solo in spazi privati, sia al chiuso, che all’aperto.

Davide Romano

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta