Il Primato Nazionale mensile in edicola

referendumRoma, 5 dic – Anche se non ci sono ancora i risultati definitivi, dato il divario tra il no ed il sì, il Presidente del Consiglio Renzi prende atto della sconfitta al referendum costituzionale e si dimette.
A mezzanotte e venticinque minuti, un’ora e mezza dopo la chiusura dei seggi e con circa 20mila sezioni scrutinate su 61mila, finiscono i mille giorni del governo non eletto più lungo della storia della Repubblica Italiana.
Le percentuali d’altronde parlano chiaro: 59,33% per il no e 40,67 per il sì, con le regioni del sud Italia a fare da traino con vere e proprie percentuali bulgare come per la sicilia dove il fronte del no ha raccolto poco più del 70%. Sul fronte opposto spiccano solo Toscana e Trentino-Alto Adige dove vince il sì insieme all’Emilia Romagna dove raggiunge una maggioranza davvero minima considerando che quella regione è sempre stata un “feudo” del Pd: 50,15%. Al nord, il no si aggira intorno al 60% andando a confermare la vocazione di “centro destra” di alcune regioni come Lombardia e Veneto.
Domani Renzi convocherà il Consiglio dei Ministri per stabilire la tempistica delle dimissioni, che comunque non saranno esecutive prima della legge di Stabilità e prima della nuova legge elettorale, quindi le elezioni potrebbero non essere così vicine come sembra.
Salvo quindi inciuci di palazzo e reimpasti che non sarebbero nuovi nella storia di questa piccola repubblica, ci siamo levati di torno il boy scout, come ha voluto ricordare Renzi stesso durante il suo discorso.

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Adesso il boy scout si prenda la responsabilità di varare una legge di stabilità in totale deficit. Il PD è alla deriva ci propineranno un tecnico gradito alla tecnocrazia di Bruxelles. Ma dobbiamo stare saldi su un governo a termine poi si va a votare! La legge elettorale si può portare a casa in 2/3 mesi. Renzi Letta Monti e Napolitano vanno indagati subito per alto tradimento, cessione di Sovranità Nazionale a Paesi terzi abuso di ufficio e quant’altro possa essere configurato come reato contro la Repubblica Italiana.

Commenta