Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 gen – Matteo Renzi, al termine delle consultazioni al Colle, chiede di formare un nuovo governo e ribadisce il suo no al ritorno alle urne. “Renzi prova a restare a galla: “No al voto, serve governo politico. Ma dicano se ci vogliono”, rischiamo di perdere l’appuntamento con il Recovery. Occorre un governo presto e abbiamo dato disponibilità al presidente per individuare le soluzioni più opportune”. Il leader di Italia Viva fa sapere poi di preferire “un governo politico”, ma che il suo partito è disposto ad accettare pure un “governo istituzionale”.

Renzi: “Dicano se ci vogliono”

Renzi intende insomma rientrare in gioco, o restare a galla che dir si voglia. Evitando a tutti i costi il voto anticipato. E’ consapevole dello scarsissimo consenso di cui gode Italia Viva in questo momento e punta così a riformare un esecutivo con Pd e M5S. Soprattutto quest’ultimo però non sembra intenzionato a governare ancora con chi giudica inaffidabile.
“Preferiamo un governo di natura politica – sottolinea ancora il leader di Iv – ma siamo disponibili anche ad appoggiare un governo istituzionale. Quale maggioranza può comporre però quello politico? Abbiamo assistito a parole molte dure nei confronti di Italia Viva. Ma irresponsabile è chi adesso non vuole affrontare la crisi. Noi siamo chiari e diretti. Abbiamo sentito parole su di noi che sono al limite dell’insulto. Vogliamo sapere dalle altre forze politiche se ritengono Iv parte o non parte della maggioranza”, afferma l’ex premier.

“Indecorosa caccia al singolo parlamentare”

Secondo Renzi “la caccia al singolo parlamentare” a cui abbiamo assistito negli ultimi giorni “è indecorosa”. Perché a suo avviso “si è fatto credere che con un voto o due si affrontasse la crisi”. Ma Renzi è disposto a rifare un governo anche con il dimissionario Giuseppe Conte? Per il leader di Iv si tratta di una domanda sbagliata, perché “noi abbiamo le nostre idee, ma la vera domanda è un’altra. Qual è la macchina che viene scelta? C’è una maggioranza politica o una istituzionale? Se pensano di fare a meno di noi, auguri e in bocca al lupo. Discuteremo alla fine su chi è che deve guidare la macchina”. Dunque Renzi non pone, almeno in apparenza, veti su Conte. Ma restano alquanto nebulose le sue mosse. L’unica certezza, appunto, è che non vuole andare alle elezioni e auspica una riapertura delle trattative con chi ha governato fino a ieri.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta