Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 26 mar – Matteo Salvini contro Pasquale Tridico, che vorrebbe dare il reddito di cittadinanza agli immigrati. “Il presidente dell’Inps vuole cancellare il requisito di residenza da 10 anni? Prima bisogna aiutare i (tanti) italiani in difficoltà, poi (se avanza) si penserà ad altri. Punto”. Così il leader della Lega con un post su Facebook boccia la proposta di Tridico



La “bella” pensata di Tridico: “Reddito di cittadinanza agli immigrati”

“Reddito di cittadinanza agli immigrati”. Pasquale Tridico, presidente Inps in quota Movimento 5 Stelle, ragiona ancora come se al governo ci fossero soltanto i giallofucsia. Mentre nella maggioranza che sostiene Draghi c’è chi vorrebbe proprio cancellarlo, Tridico invece vorrebbe estendere il reddito di cittadinanza agli immigrati. Come se non bastassero i danni già fatti con il sussidio-bandiera dei 5 Stelle. Per di più troppe volte finito nelle tasche di nullafacenti e delinquenti, mafiosi compresi. Tuttavia, complice la crisi economica scatenata dalle restrizioni per contrastare la pandemia, il Rdc non sarà eliminato.

Black Brain

Orlando (Pd) correggerà ma non eliminirà il Rdc

Dal canto suo, il neo ministro del Lavoro Andrea Orlando, del Pd, ha annunciato una task force per “correggere”, ma non per eliminare il Rdc. Anche perché disoccupati e nuovi poveri sono in aumento a causa del lockdown dell’anno scorso e delle continue chiusure a singhiozzo con le fasce di colore delle regioni. “Nei prossimi mesi ci sarà la necessità di intervenire a integrare gli strumenti di cui disponiamo per fare fronte ad una condizione di aumento della povertà“, ha annunciato Orlando.

Meloni: “Siamo al delirio più totale, mentre le attività chiudono”

Sul fronte dell’opposizione, Giorgia Meloni si scaglia contro Tridico: “Siamo al delirio più totale. Il presidente dell’Inps, tanto voluto dai 5 Stelle, richiede risorse in più per finanziare il reddito di cittadinanza a tutti gli immigrati, ritenendo il requisito di almeno 10 anni di cittadinanza un’esagerazione. Il tutto mentre le attività chiudono e i cittadini sono totalmente insoddisfatti delle briciole stanziate dal dl Sostegni“. In un post su Facebook, la leader di Fratelli d’Italia non ne vuole proprio sapere: “Dopo la beffa del prolungamento del contratto ai navigator, questa sarebbe l’ennesima assurdità di una misura già di per sé totalmente insufficiente a salvare le nostre imprese in ginocchio”.

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Per me è anche troppo permissivo adesso, visto che ci sono persone che erano all’estero e prendevano il reddito. Il requisito di 10 anni è anche troppo poco a mio parere.. altro che esagerato.
    Fra chi vorrebbe “cancellarlo” da una parte, dando magari tutti i soldi ad aziende, benestanti, amici di confindustria, banche e poteri forti, mandando in mezzo alla strada un numero sterminato di italiani, che sono già stati sostituiti da stranieri magari, e che “al momento” sono esclusi dal mercato del lavoro. Il mercato italiano è uno dei più escludenti visto l’utilizzo di manodopera straniera a basso costo e l’age discrimination, la mancanza di un “salario minimo” che venga fatto “rispettare” che rende “più conveniente” assumere uno straniero che viene da paesi con un più basso costo della manodopera rispetto ad un italiano, magari per 2 euro l’ora, aggiungo l’utilizzo della “raccomandazione”, soprattutto per lavori umili). Questi “veri poveri” dovrebbero essere al contrario “sostenuti” e riqualificati .. fra cui moltissimi italiani che hanno perso il lavoro causa “lockdown”.
    All’altro estremo: chi vorrebbe estenderlo ad ancora più stranieri.. Queste due posizioni estreme mi sembrano entrambe insensate. La posizione razionale è spesso la “via” di mezzo. Si chiama “di cittadinanza”? Viene prima chi ha la “cittadinanza” italiana. Parlare di “Reddito agli immigrati” mi sembra un controsenso logico. Altrimenti dovrebbero cambiare nome..
    Aggiungo: Se qualcuno dichiara il falso per averlo, vada in carcere per false dichiarazioni di redditi e ci resti, come succede in Usa, dove la legge non perdona. Così ci liberiamo “a vita” dei “furbetti”, del RDC, delle visite mediche gratis che non gli spetterebbero, delle case popolari tolte a gente più povera, etc…

    P.s: è solo il mio parere.

Commenta