Roma, 7 dic – Altro che deroga per gli studenti dai 12 ai 18 anni: i biglietti per bus e metro si potranno fare solo con il green pass. Il ministro dei Trasporti Giovannini conferma quanto anticipato nei giorni scorsi: è questa la volontà del governo, vietare di fatto i mezzi pubblici a chi non ha la certificazione verde.

Giovannini: “Biglietto per i trasporti solo con il green pass”

Intervenuto a Rainews24, Giovannini annuncia che l’esecutivo vuole partire con una sperimentazione del biglietto legato al green pass. “Stiamo dialogando con tutte le aziende di trasporto in questa prospettiva”. Il modello sarebbe quello delle regole valide negli impianti sciistici. “Le faccio l’esempio del Dolomiti Superski, che è uno skipass molto usato in cui l’utente carica ogni giorno il proprio green pass e automaticamente questo autorizza solo chi ha il green pass”, dice il ministro a chi lo intervista. Certo, il nodo principale – al di là della discriminazione per chi non ha il certificato verde – resta la messa in pratica.

“Ci sono problemi di messa in pratica e di privacy”, ammette il ministro

In tal senso i sistemi informatici di acquisto dei biglietti per i trasporti dovranno essere adattati alle nuove direttive del governo. Ma Giovannini assicura: “Stiamo studiando dei meccanismi, credo ci siano le condizioni per farlo, siamo abbastanza ottimisti che nelle prossime settimane possano iniziare le sperimentazioni”. Sempre citando l’esempio dello skipass, il ministro si dice convinto che applicare lo stesso meccanismo “sui mezzi di trasporto sarebbe possibile”, anche se ci sono alcuni ostacoli da superare. Uno è la capacità di applicazione del sistema “tutti i giorni”. L’altro è legato a “un tema di privacy”. Ma l’applicazione del piano rimane “importante perché migliorerebbe il servizio ovunque, qui parliamo di e-ticket, biglietti elettronici, e nelle app che vengono sempre più usate ci sono tante informazioni ausiliarie. Ci consentirebbe di far fare un salto di qualità al sistema di trasporto pubblico locale su cui vogliamo investire”, ribadisce il ministro.

Sul fronte dei controlli, Giovannini si dice soddisfatto. “Oggi avremo il quadro dei controlli e delle multe di ieri, ma sui treni regionali Trenitalia ha controllato oltre 600 convogli e 27mila persone e di queste 900 sono state bloccate, il 3,2 per cento. Sono controlli che avvengono sulle piattaforme”, precisa il ministro.

Obbligo di green pass per gli studenti, nessuna deroga dal governo

Per quanto riguarda una eventuale deroga dell’obbligo di green pass per gli studenti, interviene invece il sottosegretario ai Trasporti Carlo Sibilia (M5S), che respinge tale possibilità. “Sull’obbligo di certificazione verde semplice per gli studenti sui mezzi pubblici non abbiamo intenzione di operare deroghe – annuncia ai microfoni di The Breakfast Club su Radio Capital -. Anzi, bisogna continuare su questa linea. Lo strumento sta funzionando, c’è stata una grande risposta da parte dei cittadini e poche multe, quindi va mantenuto. Su 70mila persone controllate ci sono state solo 130 multe e pochissime denunce. Va fatto un plauso ai cittadini italiani per il rispetto delle norme nel primo giorno di super green pass”. Pertanto gli studenti dai 12 ai 18 anni non vaccinati dovranno fare il tampone per poter prendere i mezzi e andare a scuola.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. E che problema c’è?

    Ritorneremo all’autostop così voglio vedere poi come fanno ad intercettare i #NoVax approfittando di #Twitter #Whatsapp #Telegram et similia visto che si organizzeranno di persona,

    Si infiltreranno come appiedati in cerca di un passaggio?

    La socialità in tempi di web asocialità almeno trarra grande beneficio dalle cazzate governative lecca falliti come #AstraZeneca e non è opinione personale, la matematica non è un’opinione il bilancio è da bancarotta
    https://images.plurk.com/2E5StWiV17Dk5845aOq35e.png

Commenta