Roma, 18 gen – Secondo una stima del bollettino economico della Banca d’Italia, il Pil quest’anno crescerà dello 0,6%, cioè 0,4 punti in meno rispetto a quanto valutato in precedenza. Secondo quanto riportato dal bollettino, sono quindi alte le probabilità che l’Italia entri in recessione tecnica. Sono previsioni queste, che rendono difficoltosa la gestione dei conti pubblici da parte del governo giallo-verde.

Bankitalia spiega che le cause di questo ribasso di crescita sono da ascriversi a «dati più sfavorevoli sull’attività economica osservati nell’ultima parte del 2018, che hanno ridotto la crescita già acquisita per la media di quest’anno di 0,2 punti, il ridimensionamento dei piani di investimento delle imprese che risulta dagli ultimi sondaggi; le prospettive di rallentamento del commercio mondiale». Le proiezioni di crescita nel 2020 e nel 2021 sono per ora leggermente migliori, «dello 0,9 e dell’1 per cento rispettivamente». Gli investimenti sono diminuiti dell’1,1% nel terzo trimestre e si aspetta un rallentamento dei piani d’investimento delle imprese anche per il complesso del 2019.

Tra i rischi più concreti di tale decrescita c’è quindi la recessione tecnica – che si ha quando il Pil ha il segno meno per due trimestri consecutivi. Anche i consumi sono in calo. «Nel terzo trimestre i consumi delle famiglie, in graduale rallentamento dall’inizio dell’anno, sono scesi dello 0,1 per cento rispetto al periodo precedente», spiega il bollettino dell’istituto di via Nazionale. «Gli indicatori congiunturali più recenti – continua -, suggeriscono che negli ultimi tre mesi dell’anno l’andamento dei consumi si sarebbe confermato debole, in linea con le più recenti dinamiche del mercato del lavoro».

Aldo Milesi

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Stranamente i parassiti nullafacenti e burocrati codardi di tale insulso carrozzone si ricordano solo ora che l’Italia è in crisi…………quando c’erano i piddini al governo tutto era perfetto……..vero???. L’Italia è in crisi proprio perché deve mantenere una casta impunita ed improduttiva come la vostra. Vergogna.

    • Infatti è stranissimo, praticamente da quando c’è questo governo sembra vada tutto male, ma non è possibile, simili notizie sono da decerebrati perché se è 0,1 dal terzo trimestre non poteva essere in positivo con Renzi o Gentiloni. E poi 0,1 non significa nulla!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here