Milano, 12 lug — Entra per bersi una sciocchezza e ne esce con la mano fratturata per i colpi di mazza da baseball inferti dalla barista. E’ la brutta disavventura capitata a un 55enne di Nerviano (piccolo comune dell’hinterland milanese) che al termine di un lungo litigio avuto con la titolare dell’esercizio, una donna cinese di 40 anni, è stato ripetutamente colpito — con una ferocia inaudita — fino a dover ricorrere alle cure del pronto soccorso.

La cinese gli spacca una mano con la mazza da baseball 

L’episodio è accaduto intorno alle 20, orario in cui i carabinieri della stazione di Nerviano hanno ricevuto la segnalazione di una violenta lite in un bar. Quando i militari hanno raggiunto il locale hanno trovato il 55enne lamentarsi della frattura e la barista fremente di rabbia, ancora con la mazza da baseball in mano. Grazie alle deposizioni di diversi testimoni presenti in loco al momento del pestaggio, gli investigatori hanno ricostruito la dinamica dell’aggressione e hanno arrestato la donna con l’accusa di lesioni personali aggravate.

La ricostruzione

L’episodio sarebbe accaduto perché la vittima si era seduta fuori dal locale, sorseggiando di birra da una bottiglia acquistata in un altro esercizio. La barista si sarebbe opposta chiaramente alla manovra dell’uomo: per potersi sedere, occorre consumare prodotti del bar. La donna avrebbe dunque iniziato a inveire nei confronti del 55enne. Ne sarebbe nata una discussione piuttosto animata, degenerata poi in urli e insulti. A quel punto la barista cinese è uscita dal locale brandendo la mazza da baseball e colpendo il 55enne più volte alle gambe (fino a sbriciolargli il cellulare che teneva in tasca) e alle braccia. La vittima è stata soccorsa dal 118 e trasportata all’ospedale di Castellanza (Varese) dove i medici gli hanno diagnosticato una frattura «pluriframmentaria al metacarpo della mano destra» con prognosi di 30 giorni. I carabinieri hanno provveduto a sequestrare la mazza da baseball.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. “barista arrestata per aver fracassato una mano ad un cliente”
    ……
    mah.
    una donna,che già fa fatica ad alzare le mani…
    e che fa la barista di mestiere,quindi evita le rogne fin quasi all’impossibile,
    e per giunta una donna cinese,che hanno una cultura che generalmente tendono a
    minimizzare gli screzi con gli uomini,specialmente se non della loro etnia:

    eggià…
    ci credo subito,guarda.

    io ho gestito locali pubblici per decenni,
    e so benissimo quello che succede in questi casi:
    che qualche roito immondo ti prende di mira e continua
    a fare l’arrogante aggressivo e ad insultare…
    a volte per ore,
    approfittando che tu vuoi farlo andare via parlando.
    fino al punto che certe volte ti fanno letteralmente
    saltare i nervi,e cominci a vederli attraverso una nebbiolina rossa…
    e molto spesso va a finire male.

    quindi se anche le cose si sono svolte come dice questo articolo,
    io NON arresterei la barista,anzi:
    probabilmente mi congratulerei con lei,
    per aver conservato abbastanza autocontrollo da ricordarsi di NON colpire in testa,
    e semmai porterei via per accertamenti il cliente rompiscatole.

  2. Mah… l’attitudine dei cinesi è comunque invidiabile. Sapevo che negli usa i rapinatori tendono ad evitare gli esercizi gestiti da cinesi perché difendono il malloppo incuranti della vita.

Commenta