Roma, 14 gen – Il terrorista comunista pluriomicida Cesare Battisti è atterrato all’aeroporto di Ciampino poco dopo le 11.30.

Ad attendere il Falcon proveniente dalla Bolivia con a bordo l’ex membro dei Proletari armati per il comunismo, rientrato in Italia dopo 37 anni di latitanza, tra gli altri il ministro dell’Interno Matteo Salvini e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

Arrestato sabato a Santa Cruz, in Bolivia, Battisti sarà tradotto nel carcere di Rebibbia, a Roma, dove sarà in cella da solo, con sei mesi di isolamento diurno, nel circuito di alta sicurezza riservato ai terroristi.
Dovrà scontare l’ergastolo. E’ stato condannato in via definitiva a due ergastoli per quattro omicidi.

Salvini e Bonafede hanno assicurato che per Battisti non ci saranno sconti di pena. Il titolare del Viminale ha dichiarato: “E’ un comunista assassino che non deve uscire vivo di galera”.

Ludovica Colli

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta