Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 31 lug – Il silenzio su Bibbiano, perpetuato dai media vicini all’area politica di riferimento della rete coinvolta nell’inchiesta Angeli e Demoni sugli affidi illeciti di minori, è stato interrotto a furor di popolo. Tanto che, a partire dagli esponenti del governo Lega-M5S, anche la politica si è attivata per fare luce su questa terribile vicenda (il tutto, sia chiaro, al netto del silenzio complice del Pd). E nelle istituzioni si moltiplicano i gesti di solidarietà.

La mozione in solidarietà alle famiglie delle vittime

Come nel caso dei tanti consiglieri comunali di area sovranista lombardi eletti nelle liste civiche alle ultime Amministrative, che hanno voluto presentare mozioni in solidarietà alle famiglie delle piccole vittime di Bibbiano. A trent’anni dalla Convenzione Onu sui Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza il problema del maltrattamento e degli abusi ai minori è purtroppo sotto i riflettori.
Alla luce dei terribili fatti di Bibbiano, numerosi consiglieri hanno sottolineato quanto l’inchiesta Angeli e Demoni sia la punta dell’iceberg di un giro di affari su scala nazionale in cui sono stati coinvolti ben 50mila bambini sottratti alle famiglie e 100mila affidati ai Comuni.

“Vittime innocenti per un giro di 5 miliardi di euro”

“Innocenti ai quali è stata strappata l’infanzia per un giro d’affari di 5 miliardi di euro”, è la denuncia dei consiglieri che hanno voluto dar voce alle istanze dei cittadini chiedendo verità e giustizia. E chiedendo dunque ai Consigli comunali di esprimere solidarietà alle famiglie coinvolte e ai Comuni di “promuovere iniziative volte a prevenire e a contrastare la violenza sui minori”.

La mappa dell’iniziativa

Tra i principali Comuni interessati dall’iniziativa, Cologno Monzese (provincia di Milano, quasi 50mila abitanti), con la mozione presentata dal consigliere Lorenzo Corradini, e Zanica (provincia di Bergamo, circa 9mila abitanti), dove a presentare la mozione è stato il consigliere Nicola Longo. Poi hanno presentato la mozione di solidarietà consiglieri comunali in provincia di Bergamo (nei Comuni di Isso, Taleggio, Vedeseta e Barbata), in provincia di Cremona (a Torre de’ Picenardi), in provincia di Brescia (Villachiara e Capovalle) e in provincia di Pavia (Rocca Susella e Volpara).

Adolfo Spezzaferro

Commenta