Il Primato Nazionale mensile in edicola

Bologna 8 apr – Nella multiculturale e progressista provincia di Bologna i crocifissi nei cimiteri risultano offensivi alle altre religioni e quindi vanno oscurati. E’ quanto succede a Pieve di Cento, paese di 7mila abitanti, dove la direzione del camposanto ha pensato di installare dei teli per celare i crocifissi ai sensibili sguardi dei praticanti di altri culti religiosi. Si tratterebbe di un vero e proprio impianto motorizzato con pannelli di stoffa oscuranti, montato all’interno di una cappella durante gli ultimi lavori di ristrutturazione: il sistema verrebbe azionato durante le cerimonie con rito diverso da quello cattolico, per non turbare i fedeli di altri credo religiosi.

La denunci è partita da Galeazzo Bignami di Forza Italia, che ha scritto su Facebook: “Ecco l’ultima trovata del sinistrati che in un comune della provincia bolognese annunciano fieramente, in un giornaletto preelettorale, il restauro del Cimitero e ‘‘…per riti o cerimonie laiche anche di altre religioni, il progetto prevede l’installazione di un sistema di oscuramento motorizzato con teli di tessuto che appunto consentiranno all’occorrenza di coprire temporaneamente le immagini sacre e le tombe di famiglia situate all’interno della Cappella'”. E conclude: “I sinistrati per non mancare di rispetto alle altre religioni offendono i Valori Cristiani e ancor più la memoria dei nostri morti nascondendoli dietro delle ‘tende motorizzate’ in un cimitero per non offendere le altre religioni. Se questi amministratori si vergognano della nostra tradizione e della nostra cultura, dovrebbero andare a nascondere se stessi e non solo dietro una tenda motorizzata. Se non sono capaci di portare rispetto per i vivi almeno abbiano la decenza di lasciare stare i morti e di non coinvolgerli in scempiaggini pre elettorali”.

Cristina Gauri

7 Commenti

  1. ..visto il loro interesse (quanto hanno ” guadagnato” per le tende?) per i cimiteri, potrebbero nascondersii in una grande e accogliente fossa…

  2. Molto probabilmente El papa non dirà nulla su questo fatto che oscurano la croce; lui non vuole mica offendere i poveri immigrati musulmani che incoraggia a venire sbattendoli una croce in faccia!Sarebbe poco accogliente. Inoltre ci sono anche in ballo il miliardo di euro circa all’ anno grazie all’ ospitalità da noi pagata a clandestini fuorilegge

Commenta