Il Primato Nazionale mensile in edicola

Viterbo, 4 mag – Un giovane sudamericano è stato fermato per aver barbaramente ammazzato Norveo Fedeli, un commerciante di 74 anni, dopo un tentativo di rapina a Viterbo. Il fermo è scattato dopo un’operazione di carabinieri e polizia che si erano messi sulle tracce del presunto killer. L’assassino prima gli ha fracassato il cranio con un oggetto molto pesante (probabilmente una spranga o uno sgabello), poi una volta a terra, ha schiacciato la testa della vittima con uno scarpone. Il negoziante è stato aggredito vicino al registratore di cassa. Non è morto sul colpo e a quanto pare avrebbe provato a chiedere aiuto trascinandosi a terra. Nel negozio infatti è stata ritrovata una scia di sangue fino all’entrata. Il corpo del commerciante è stato rinvenuto da una vicina che è entrata insospettita dal fatto che il negozio fosse aperto alle 13:40. La donna si è messa ad urlare attirando l’attenzione dei passanti. In pochi attimi è stato dato l’allarme.

Le indagini

Gli investigatori hanno sequestrato tutte le registrazioni delle telecamere presenti nella zona per cercare di individuare l’assassino all’entrata e all’uscita del negozio. E molto probabilmente proprio queste immagini hanno messo le forze dell’ordine sulle tracce del sudamericano 22 enne che è stato fermato nella frazione di Capodimonte, dove pare abiti. Perquisizioni sono ancora in corso, da parte di polizia e carabinieri, nell’abitazione del sudamericano sottoposto a fermo. Chi indaga vuole capire il movente del delitto anche se l’ipotesi principale, quella di una rapina finita in tragedia, resta la più accreditata. Tuttavia, l’efferatezza e la violenza con la quale lo straniero ha ucciso il commerciante potrebbero nascondere altro. E cioè che i due, prima di ieri, si siano visti anche in altre occasioni e che l’aggressore, portata a termine la rapina, abbia deciso di commettere l’assassinio perché sapeva che sarebbe stato riconosciuto dalla vittima. Il commerciante era molto noto a Viterbo. Era stato tra i primi a vendere jeans in città. In tanti ricordano Fedeli come “un uomo buono e gentile, una persona perbene”.

Salvini: “Chi delinque ha le ore contate”

Sul fermo è intervenuto il ministro degli Interni, Matteo Salvini: “Fermato il presunto assassino del commerciante di Viterbo: si tratta di uno straniero residente in un paesino della zona. Grazie a inquirenti e forze dell’ordine. Chi delinque, ha le ore contate. E’ la migliore risposta a chi cerca polemiche: io faccio parlare i fatti“. Le parole di Salvini arrivano in risposta alle polemiche sollevate dall’opposizione sul fatto che il leader della Lega dovrebbe occuparsi di più del suo dicastero.

Ludovica Colli

1 commento

Commenta