Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 18 mag – Ci risiamo, Italia Viva lancia l’ennesimo “penultimatum” a Giuseppe Conte. Il partito di Matteo Renzi chiede che il premier dia ascolto alle sue richieste altrimenti la maggioranza giallofucsia potrebbe saltare. Non è la prima volta che la pattuglia di renziani mette sulla bilancia il suo peso determinante al Senato per essere presa in considerazione. Dal canto suo, Palazzo Chigi fa sapere che le proposte di Iv sono già arrivate sul tavolo di Conte. A quanto apprende l’AdnKronos, sarebbe un “pacchetto” corposo, e quindi il premier si prenderà il tempo necessario per studiarlo e valutarlo. Il tutto in un’ottica di maggioranza – fanno sapere da Palazzo Chigi -, perché ogni proposta, che sia di Iv o di altre forze della maggioranza, va valutata insieme, per trovare una sintesi che metta d’accordo gli alleati. Insomma, nessun favoritismo, nessuna corsia preferenziale. Niente ultimatum quindi. Anche se a dire il vero Iv ha il coltello dalla parte del manico, come si suol dire.

Sangue di Enea Ritter

Mozione Bonino-FI su Bonafede: “Conte non dia scontato che votiamo contro”

Dal canto loro, i renziani sostengono che stavolta se entro mercoledì non ci sarà un chiarimento con il premier, tutto è possibile. Un chiaro riferimento alla mozione Bonino-Forza Italia contro il ministro della Giustizia grillino Alfonso Bonafede, che se dovesse passare metterebbe in serie difficoltà il governo. “Conte non dia per scontato che tanto votiamo contro“, dice un renziano “di peso” all’AdnKronos. La mozione di sfiducia “garantista” è stata presentata dalla senatrice Emma Bonino insieme a a Benedetto Della Vedova (+Europa), Enrico Costa e Giacomo Caliendo (Forza Italia), Matteo Richetti (Azione). “Per noi la mozione Bonino è perfetta e tanti di noi sarebbero pronti a votare la sfiducia a Bonafede. Mettiamola così: noi non vorremmo votare quella sfiducia, ma Conte deve darci il modo di farlo. Deve dirci che da domani le cose cambiano”, è la richiesta (che somiglia non poco a un ricatto) fatta dai renziani.

Black Brain

“Serve incontro politico con premier se vogliamo andare avanti”

A detta dei renziani, “Conte è scomparso. C’erano delle questioni aperte sulle quali tornare e invece… per carità, capiamo tutto: il decreto Rilancio, le Regioni, le riaperture ma pensiamo che il premier debba anche farsi carico della tenuta del suo governo. Non si illuda che il nostro sia un bluff”, precisa la stessa fonte. In tal senso, Maria Elena Boschi proprio oggi dovrebbe vedere il capo di gabinetto di Conte per lavorare sui punti dell’ultimo incontro: una svolta sulle politiche della giustizia in senso garantista, il piano shock sui cantieri, il piano Bonetti sulla famiglia. “Un incontro importante – chiariscono – ma non esaustivo. Serve un incontro politico con Conte se vogliamo cambiare passo e andare avanti“.

“Il problema è Conte, con Pd e 5 Stelle un dialogo c’è”

A dire il vero, il problema – fanno presente i renziani – non sono i rapporti nella maggioranza ma quelli con Conte. “Noi non pretendiamo che il Pd o i 5 Stelle la pensino come noi ma un dialogo c’è. Il problema è Conte. Persino i rapporti con i 5 Stelle sono migliori di quelli con il premier…”. Siamo sempre lì, Renzi e i suoi battono cassa: “Noi abbiamo 17 senatori, il Pd 35. Non è possibile che noi siamo tenuti fuori da ogni decisione della maggioranza. Non è possibile che ogni nostra proposta sia una scocciatura. Non è possibile che da Palazzo Chigi – e questo a Conte lo abbiamo detto nell’ultimo incontro – arrivi l’ordine alla Rai di non parlare di Italia Viva, perché se stare in questa maggioranza significa non portare alcun rafforzamento al partito, morire per morire almeno lo facciamo tenendo fede ai nostri principi”.

La risposta ufficiale di Palazzo Chigi permette a Conte di prendere (ancora) tempo. Ma a sentire i renziani, la data di scadenza è mercoledì. Staremo a vedere.

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Dopo tutto questo schifo, ancora intrallazzi politici e beghe di palazzo… Non se ne può più 😡🤐🤔

Commenta