Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 13 gen – La crisi di governo è sempre più vicina e il premier Giuseppe Conte è salito al Quirinale per un incontro con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Ho chiesto io il colloquio”, chiarisce il premier all’uscita dal Quirinale. “Crisi di governo? Spero di no. Una crisi non sarebbe compresa dal Paese. Il governo può andare avanti solo col sostegno di tutte le forze di maggioranza“, avverte Conte. Speranza vana, a quanto pare, visto che Matteo Renzi non sembra mollare di un millimetro. Anzi, il leader di Italia Viva commenta caustico le indiscrezioni su un possibile accordo per scongiurare la crisi. “Si sono scordati di avvisarci…“, chiosa.



Mattarella chiede di “uscire al più presto dallo stato di incertezza”

“Il governo non può prendere un voto qua e uno là, serve una maggioranza solida; spero non si arrivi alle dimissioni delle ministre, lavoro su un patto di legislatura“, dice Conte (come se avesse fatto i conti senza l’oste-Renzi). Dal canto suo, il capo dello Stato ha rivolto un invito che suona a Conte nel corso del faccia a faccia al Quirinale. Quello di “uscire al più presto dallo stato di incertezza”. Mattarella ha sottolineato la necessità di sbloccare al più presto la situazione nella maggioranza giallofucsia a fronte dell’allarmante situazione causata dalla pandemia.

Black Brain

Renzi smentisce che ci siano spiragli per evitare la crisi di governo

Renzi dunque smentisce che si sarebbe aperto uno spiraglio di trattativa nel duello all’ultimo sangue con Conte. Il segretario del Pd Nicola Zingaretti e i vari pontieri dem a quanto pare sono ancora al lavoro per scongiurare il peggio. Ma il leader di Italia Viva va avanti dritto a testa bassa. Confermata dunque la conferenza stampa delle 17.30, con le dimissioni – ampiamente annunciate – delle ministre Bellanova e Bonetti. Dopodiché i 30 deputati e 18 senatori di Iv (indispensabili per Conte per avere la maggioranza a Palazzo Madama), salvo accordi dell’ultimo secondo, andranno all’opposizione.

Nessuno crede che il leader di Iv voglia semplicemente andare all’opposizione

Allo stato attuale, tuttavia, nessuno crede che Renzi davvero voglia semplicemente uscire dal governo e andare a fare compagnia al centrodestra. In tanti ritengono che il leader di Iv voglia mandare Conte a casa. Ma a rompergli le uova nel paniere è arrivato il puntuale appello all’inciucione di Grillo. Il fondatore e garante del M5S, come fece con Salvini e la crisi agostana che mise fine al Conte I, invita tutti a sostenere l’attuale premier con un governo-ammucchiata (senza Iv, naturalmente).

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

Commenta