Teramo, 5 feb – Breve contestazione contro Matteo Salvini, durante un comizio a Giulianova (Teramo), in vista delle Regionali in Abruzzo. Mentre il leader del Carroccio stava parlando, un contestatore, da sotto il palco, ha gridato: “Assassino di merda!”. Ma il ministro ha replicato prontamente, mandando la folla in visibilio: “C’è un contributo prezioso di un signore che dice che sono un assassino di merda. Un applauso al signore, che ha vinto dieci immigrati a casa sua! Dacci nome, cognome e codice fiscale, te ne mandiamo venti e li mantieni tu, colazione pranzo e cena. I compagni sono fantastici, – ha proseguito Salvini – perché più soldi hanno, più fanno la morale agli altri.” E ha concluso, “io penso che assassini siano i complici degli scafisti che hanno trasformato il Mar Mediterraneo in un cimitero a cielo aperto; quel signore non sa che con quegli immigrati gli scafisti comprano armi e droga, che poi magari vengono spacciati a Giulianova. Io complice degli spacciatori di Giulianova non lo sarò mai”.

Cristina Gauri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta