Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 8 mar – Alessandro Di Battista è stato querelato da un gruppo di imprenditori piemontesi favorevoli alla Tav. Al centro del mirino, le sue affermazioni, rilasciate alla trasmissione  Che tempo che fa, condotta da Fabio Fazio in cui parlava di supposti legami tra alcuni comitati favorevoli alla linea di alta velocità Torino-Lione e l’organizzazione criminale della ‘ndragheta. Così il politico grillino aveva esordito da Fazio: “Non ho le prove. Io non c’ho le prove, però ricordo quando due ‘ndranghetisti furono intercettati e dicevano «adesso ci tocca fondare un comitato Sì Tav”. Così, sibillino, aveva anche parlato di ipotetiche “tangenti” che dovrebbero essere restituite.

Depositata ieri la querela

Come prevedibile la reazione dei protagonisti di alcuni di questi comitati è stata piena di rabbia e sdegno: Unione industriale di Torino, Confindustria Piemonte e Confagricoltura Piemonte si sono mobilitate contro il politico grillino. Proprio ieri, infatti, è stata depositata una querela nei confronti dell’ex deputato: si legge nel testo che tale provvedimento è stato preso “in ragione delle sue affermazioni secondo cui esisterebbe un legame tra ‘ndrangheta e comitati Sì Tav, oltre ad accenni a non meglio precisati episodi di corruzione”.

La “sparizione” social di “Dibba”

La decisione di “correre ai ripari” contro queste gravissime (e sin’ora infondate) affermazioni di un esponente di spicco del Movimento Cinque Stelle è di qualche giorno fa: pian piano tutte le maggiori sigle di categoria si sono unite in un unico fronte. Di Battista è rimasto in silenzio. Ormai dal 13 di Febbraio non si hanno di lui notizie “social”: quella è infatti la data in cui ha pubblicato sulla propria pagina Facebook un post con il suo intervento ad un’altra trasmissione, Di Martedì di Giovanni Floris – sì, proprio quella in cui chiese al pubblico come mai non lo applaudiva. Se nessuno lo ha applaudito da Floris, sicuramente qualcun’altro ha avuto modo di “apprezzare” il suo intervento da Fazio – ma invece di elogi “Dibba” s’è preso una querela.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Di Battista coglione ha rotto di sputare su tutto e tutti. Ha rotto. Deve prendere una sonora lezione.

Commenta