Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 21 gen – “Craxi non fu vittima di se stesso ma dell’infamia di chi rifiutò di farlo morire in Italia“. Così Bobo Craxi, figlio dell’ex leader del Psi, senza citarlo direttamente, replica duramente ad Antonio Di Pietro che in un’intervista sul Fatto Quotidiano definisce “Craxi un latitante, che fu solo vittima di se stesso”. Il figlio dell’ex premier spiega: ”Primo: se proprio vogliamo dirla tutta a 20 anni di distanza, il rifiuto di far morire mio padre in Italia è un’infamia che peserà sulla loro coscienza per tutto il resto della loro vita, così come pesano i morti di Mani Pulite. Secondo: in questi 20 anni la storiografia ci ha illuminato: i reati non coperti dall’amnistia dell’89 e commessi fino al ’92 erano comuni a tutte le forze politiche e la magistratura ne colpì particolarmente solo alcuni, su mandato politico interno o internazionale, alla fine della Guerra fredda”.



Quello che fa specie dell’intervista del Fatto a Di Pietro è che – oltre ad incensare l’ex procuratore del pool di Mani Pulite facendolo passare addirittura per vittima di chi oggi lo accusa di aver rovinato l’Italia o gli sputa in faccia (secondo quanto raccontato dall’ex leader di Italia dei Valori) – a distanza di vent’anni dalla morte del grande statista, si contesti chi ne parla bene e si scarichi ogni responsabilità sulla sua morte in esilio in Tunisia. “Ma finiamola: Craxi è stato vittima di se stesso – dice Di Pietro -, avendo scelto di farsi corrompere pure lui come migliaia di altri indagati delle inchieste di Mani Pulite“. “Si continua a raccontare una storia diversa dalla realtà. Si continua a diffondere un’informazione falsata“, afferma convinto l’ex magistrato. Quando gli fanno presente che c’è chi giustamente ancora oggi sostiene che ha pagato lui solo per tutti, Di Pietro non ha dubbi, oggi come ieri, nessuno sconto: “Ora elogiano il discorso di Craxi in Parlamento che diceva: ‘i bilanci di tutti i partiti sono falsi’. Ma non era coraggio, era una furbata dell’ultimo minuto, che ammetteva quello che avevamo già scoperto”. Nell’intervista, l’ex procuratore nega pure il coinvolgimento dell’intelligence straniera. E quando gli si chiede se era manovrato dalla Cia, risponde: “Ma anche dal Kgb, dal Mossad e chi più ne ha più ne metta”. Eppure ormai è conclamato che si sia stato – come dire – un endorsement Usa a perseguire Craxi.

Black Brain

Insomma, oggi che nel ventennale della morte di Craxi in tanti ne ricordano anche i meriti indiscussi, Di Pietro invece reputa l’ex premier ancora un avversario da abbattere, nonostante le condanne definitive, come ci tiene sempre a sottolineare l’ex magistrato.

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Di Pietro ha fatto fuori dei politici che non volevano vendere il paese agli stranieri, come è avvenuto dopo con le privatizzazioni promosse dai burattini dei banchieri stranieri, che creano in via privata ed a costo zero ed esentasse tutto il denaro che il popolo utilizza strozzando cosi’ il paese.

  2. Di Pietro pensi alla sua laurea e a chi ha ammesso di avergli consentito di fare il magistrato perché gli faceva pena… E ci spieghi bene la differenza operativa tra un magistrato e un poliziotto.
    Non ho nessuna simpatia per Craxi, piuttosto ho rispetto per tutta la famiglia “stranamente” tra le poche politicamente sfigate… Ma una cosa va osservata…, in coincidenza con Craxi il periodo dello stragismo politico è terminato. Solo un caso? Andiamo a capirlo…

  3. “Seguire il denaro” , lo disse Falcone ….. quanti soldi ha profuso SOROS ed a CHI nel
    pool di manisporche ????

    CRAXI , dopo la truffa del cambio a 2.500 lire per $ chiese di ESTRADARE il truffatore internazionale e l’ arresto di CHI avrebbe dovuto vigilare
    (banca d’ italia … vedere CHI era il governatore , un indizio , lo fecero Presidente della Repubblica !!!! forse proprio per aver fottuto Craxi ?????)

    DICHIARAZIONE RINTRACCIABILE NEGLI ARCHIVI RAI , intervista con MINOLI …..

    Il giorno dopo nacque MANISPORCHE !!!!

    Il resto , scusate , ma sono SOLO cazzate , SOROS guadagnò MILIARDI di $ !!!!
    sufficienti per corrompere CANI e PORCI !
    Certo non Bastardi FASCISTI come me ….. ma purtroppo NOI noi contiamo più un cazzo
    dal 1945 …..

    stessa truffa con l’ Inghilterra …. strano che i British non l’ abbiano fottuto …. ma LADRO non mangia LADRO …. ebreo non fotte ebreo ….

    Miglior figura farebbe dipietro a STARSI ZITTO !!!!!!

Commenta