Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 24 gen – I giudici tornano all’attacco del ministro dell’Interno Matteo Salvini sul caso Diciotti.

Sebbene la Procura di Catania avesse chiesto l’archiviazione e soprattutto dopo che a Palermo il Tribunale dei ministri aveva scagionato il vicepremier, quello stesso tribunale – ma stavolta composto dai magistrati di Catania – ha deciso di ignorare le conclusioni raggiunte dalle altre toghe e ha chiesto l’autorizzazione a procedere in giudizio nei confronti del leader della Lega.

Dal canto suo, Salvini non si lascia intimidire: “Ci riprovano: rischio da 3 a 15 anni di carcere per aver bloccato gli sbarchi dei clandestini in Italia – dice in una diretta Facebook – torno a essere indagato per sequestro aggravato di persone e minori. Mi sono arrivati gli atti del tribunale di Catania. Ora tocca al Senato esprimersi sul sequestro di persona aggravato. Questo perché osai bloccare lo sbarco della nave Diciotti”.

Il vicepremier ribadisce: “Continuerò a lavorare per difendere i confini del mio Paese e la sicurezza degli italiani, non mollo“, ha detto fermo, “Paura? Zero. Sono pronto all’ergastolo. Io non cambio di un centimetro la mia posizione. Barche, barchette e barchini in Italia non sbarcano. Se sono stato sequestratore, una volta ritenetemi sequestratore per i mesi a venire. La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino”.

“Chiedo solo al popolo italiano – prosegue – se riteniate che io debba continuare a fare il ministro esercitando i doveri di ministro, oppure se dobbiamo demandare a questo o quel tribunale le politiche sull’immigrazione“.

“Io – conclude – ho applicato l’articolo 52 della Costituzione, che dice che la difesa della Patria è sacro dovere del cittadino, soprattutto se il cittadino è pure ministro. Difesa dei confini, delle regole, del vivere civile, della democrazia”.

Ludovica Colli

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Come al solito la vigliaccheria della magistratura politicizzata sinistrorsa non conosce limite e vergogna……….una inchiesta ingiustificata ed ingiustificabile,nei confronti di chi ci difende da crimali, terroristi, clandestini e portatori sani di tubercolosi,scabbia e merda varia………la dittatura comunista in questo paese non conosce limiti.

Commenta