Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 6 mar – “Chiamatemi direttore d’orchestra, è questo il nome del mio lavoro“: così ieri a Sanremo Beatrice Venezi respinge il politicamente corretto nel bel mezzo di un Festival orientato verso temi molto in voga come parità di genere e diritti Lgbt. Neanche a dirlo, la presa di posizione della giovane pianista e direttore d’orchestra, ieri sul palco dell’Ariston nelle vesti di co-conduttrice, ha scatenato polemiche a non finire, con la “Conferenza delle donne democratiche-Toscana” che ha addirittura chiesto alla Venezi di scusarsi per l’affronto.



Beatrice Venezi, direttore d’orchestra, ospite a Sanremo

“Evitiamo polemiche che qui non si sa mai. Quando ci siamo incontrati a Sanremo Giovani lei mi ha chiesto di essere chiamata direttore d’orchestra“, è stata la premessa del conduttore Amadeus ieri in diretta per la quarta serata del 71esimo Festival della canzone italiana. E lei, Beatrice Venezi, 31enne di Lucca, la più giovane direttore d’orchestra donna d’Europa, conferma: “Sì assolutamente, per me contano altre cose: la preparazione, il modo in cui si fanno le cose… La mia professione ha un nome che è direttore d’orchestra”. Amadeus ribatte: “Che sia direttore o direttrice oltre a essere brava è anche bellissima”. Ma ormai il messaggio, forte e chiaro, era arrivato nelle case di milioni di italiani.

Black Brain

“Direttore e non direttrice, mi assumo la responsabilità di questa cosa”. Ma i giornali la chiamano “direttrice”

Donna o uomo, non sono le etichette e i mostruosi neologismi per accontentare femministe e ideologi gender a fare la differenza, ma capacità, competenza, bravura. Neanche a dire che – è questa la notizia ma nessuno se ne cura – la Venezi si è imposta in un mondo professionale storicamente di quasi totale appannaggio dei maschi. Prova provata della sua bravura. “La posizione ha un nome preciso e nel mio caso è quello di direttore d’orchestra, non di direttrice“, ha ribadito la Venezi. “Mi assumo la responsabilità di questa cosa“, ha chiarito, “perché è importante quello che sai fare”. Una precisazione volutamente ignorata dai media mainstream: i principali giornaloni, nel riportare la notizia, definiscono la Venezi “direttrice”.

L’attacco delle femministe toscane sui social: “Chieda scusa a tutte le donne”

Bravura al di là delle etichette: un concetto che sfugge evidentemente anche a chi – come le femministe della “Conferenza donne democratiche – Toscana” – ha attaccato la giovane musicista. “A pochi giorni dall’#8marzo, ci auguriamo che la direttrice Venezi chieda scusa a tutte le #donne per questa uscita infelice e decisamente poco connessa col Paese reale”, si legge sulla loro pagina Facebook. Certo, un collettivo femminista che nel 2021 accusa qualcuno di scollamento dal Paese reale è davvero curioso…

L’attacco è un autogol: nei commenti tante donne difendono il “DIRETTORE Venezi”

Quello che conforta è che la stragrande maggioranza dei commenti al post indignato delle femministe toscane è in difesa del “DIRETTORE Venezi”. Come in tante hanno volutamente scritto per sottolineare il loro totale sostegno alla musicista. “Io mi definisco Architetto e non Architetta! E poi la Venezi è libera di definirsi come vuole… Chiedere scusa alle donne? Ma state scherzando? Questa è democrazia? Non ho parole!“, scrive una donna, inattaccabile anche nell’ottica del politicamente corretto. Insomma, in tante chiedono alle “donne democratiche” di chiedere loro scusa alla Venezi. “Questo è quello che ci ridicolizza: fossilizzate in battaglie di forma inutili – coglie il punto della questione un’altra utente -. Ora chieda lei scusa alle donne, perché mi sembra che il suo post ne abbia offese molte di più del DIRETTORE Venezi!”.

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. Mi spiace, ma qui il politicamente corretto non c’entra niente. Si tratta della Lingua italiana! La quale prevede nomi maschili e femminili che vanno usati correttamente.
    A scuola non abbiamo avuto professori e professoresse? E, tanto per restare in tema, bidelli e bidelle? E la donna che dirigeva la mia scuola elementare, mi spiace per la Venezi, era la Direttrice; cattiva come un uomo nonostante il nome.

    • Signor Pino, pur da semplicissimo ascoltatore di musica classica, mi permetto di farvi notare che in quell’àmbito, tradizionalmente, si dice “maestro” e non “maestra”; “direttore d’orchestra” e non “direttrice”. Il maestro Venezi ha tutte le ragioni del mondo. Si tratta di un vero e proprio titolo (conquistato con grande lavoro e grande fatica, credo). Dirigere una scuola elementare è una cosa completamente diversa, non c’entra nulla.

Commenta