Il Primato Nazionale mensile in edicola

Botta e risposta tra Massimo Giannini e lo staff di Silvio Berlusconi sull’intervista al leader di Forza Italia pubblicata oggi sulla Stampa. Mentre le parole dell’ex premier rimbalzano su tutti i giornali, soprattutto quelle contro gli alleati di centrodestra – “Meloni o Salvini premier? Non scherziamo” – dallo staff del Cav arriva la smentita. E a stretto giro la controsmentita del direttore della Stampa.



Lo staff del leader di FI: “Berlusconi non ha mai rilasciato alcuna intervista alla Stampa

In una nota lo staff di Berlusconi lancia un’accusa pesante contro il quotidiano torinese e il direttore, che firma l’intervista in questione. “Il presidente Silvio Berlusconi non ha mai rilasciato alcuna intervista a La Stampa e smentisce le parole a lui attribuite“.

Giannini: “Ho avuto una conversazione con il leader di Forza Italia. Ho lo sbobinato”

Secca la replica di Giannini. “Non mi occupo di smentite dello staff di Berlusconi. Ho avuto una conversazione con il leader di Forza Italia nel giorno del suo compleanno. Non ho difficoltà a riportare lo sbobinato“, dichiara il direttore della Stampa ai microfoni di Radio anch’io su Rai Radio 1.

Chi ha ragione? Certo un conto è accusare di aver travisato le parole di Berlusconi. Un conto negare l’esistenza dell’intervista

Una brutta storia, dunque. Perché stiamo parlando di un leader politico intervistato da un direttore di un quotidiano che poi manda a dire dallo staff di non aver rilasciato alcuna intervista. Tanto che appunto Giannini non si cura minimamente della nota dello staff di Berlusconi, precisando che lui ha parlato con il diretto interessato e che ha le prove audio. Quel che è imbarazzante, in effetti, è che la nota dello staff di Berlusconi non accusa il direttore della Stampa di aver forzato la mano in alcuni passaggi o di aver travisato le parole del leader di Forza Italia, ma nega l’esistenza della stessa intervista.

Giannini ha chiamato Berlusconi soltanto per fargli gli auguri?

Insomma, sembrerebbe – a sentire lo staff di Berlusconi – che Giannini l’abbia chiamato per fargli gli auguri di compleanno – ieri l’ex premier ne ha compiuti 85 – e poi dalla chiacchierata che ne è seguita ci ha ricavato una intervista non autorizzata. Ora va bene che a Giannini, di certo non un giornalista “amico” del centrodestra, non gli sarà parso vero di titolare contro Meloni e Salvini, ma da qui a dire che si è inventato tutto ce ne passa. Chissà se Berlusconi in persona interverrà nella vicenda, visto che è stato chiamato in causa dal direttore della Stampa. Certo è che se le cose restano così, la toppa dello staff è peggio del buco delle parole forse un po’ troppo a ruota libera di Berlusconi.

Adolfo Spezzaferro



La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta