Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 1 ott – Beppe Grillo sberleffa la manifestazione del Pd di ieri e stronca la lettura politica che i dem danno al consenso popolare per il governo giallo-verde, bollata come “narrazione frou frou che nega la realtà“.
Sul suo blog, il fondatore del Movimento 5 Stelle inchioda i piddini alla pochezza politica delle loro critiche all’alleanza Lega-M5S: “Ma da dove viene questa mentalità? Per quale ragione sembra così incredibile fare un po’ di deficit allo scopo di ripartire dagli ultimi?“.
“Pensiamo – si interroga Grillo – all’ideologia frou frou, da dove viene? Se non siamo del tutto ipocriti, sappiamo che il nostro paese è il regno dell’indiretto, del non chiarito, in cui centinaia di migliaia di privilegiati manifesta la sua paura di condividere con il popolo i suoi timori più profondi, non solo i timori… Proprio i problemi che hanno visto volgere al basso le loro chance”. Insomma, “il regno dell’indiretto, della comunicazione ipocrita. Non importano le ragioni storiche che ci hanno portato a questo punto. La divisione che si è creata fra chi si deve sbattere per vivere e chi ha ereditato un po’ di ipocrisia strutturata sembra insanabile, ma – assicura Grillo – non lo è”.
Il comico genovese spiega: “Abbiamo assistito alla più riuscita sintesi possibile della vecchia alleanza fra pdl e pd-L. Intanto solo due strade sono possibili: lasciare i cittadini meno frou frou nelle mani della speculazione finanziaria oppure cercare di difenderli da questi numeretti folli“. E poi rincara la dose: “La narrazione frou frou non può arrivare a negare la realtà, e nessuna narrazione ha più importanza quando i nodi vengono al pettine“.
“Fa tristezza – è il giudizio impietoso di Grillo nei confronti della piazza Pd – vedere gli eredi di una tradizione progressista così in preda al panico per i loro stessi destini, che nessuno vuole toccare in fondo. Dovrebbero solo tentare di rivedere il loro concetto di partecipazione”.
“I soliti treni e autobus pagati non si sa da chi”, continua l’ideologo dei 5 Stelle, per permettere ai piddini di contarsi. E poi la frase di Martina – “Abbiamo capito la lezione, ora dateci una mano” – , giudicata “spettacolarmente oltre la perfezione artistica”. “Efficace come tratta da un film di Stanley Kubrick. La logica che ri-mette insieme Tajani, Zingaretti, e tutti gli italiani che si identificano nella socialità frou frou“, è la dura condanna del garante del M5S.
In piazza ieri a Roma – spiega Grillo – c’erano un partito e “gente che non capisce ancora una cosa molto semplice: in Italia ci sono tantissimi poveri, quasi poveri e persone spaventate dalla loro stessa casella postale”, mentre “questo governo pensa a loro quando vuole fare deficit, ancora entro il 3%, desidera ripristinare quello stato sociale che i frou frou hanno abbandonato“. “Se hanno capito la lezione, per dirla con Martina, non hanno bisogno di alcun aiuto”, scrive ancora, in un altro passaggio, Grillo. “In genere chi ha capito quello che succede agisce di conseguenza, senza elemosinare consensi fatui per salvare se stesso. Allora, purtroppo, c’è da dubitare – incalza il fondatore del M5s – che il Pd abbia capito una qualsiasi cosa diversa dalla necessità di risorgere dalle proprie ceneri”.
“Noi, adesso, stiamo sforzandoci per creare una nuova identità del paese, non più diviso fra esclusi ed inclusi nei privilegi. Non più tagliato in due metà inconciliabili soltanto perché non saprebbero cosa raccontare ai loro figli e nipoti. Ed è piuttosto triste vederli aggrapparsi ad una storia che non hanno più, non fosse altro perché l’hanno tradita in un abbraccio mortale con gli azzurrini“, accusa ancora. “La nostra storia è breve, per nulla fraintendibile, così la battaglia non è cambiata: loro criticano le nostre intenzioni senza alcun riferimento; noi, invece, cerchiamo di evitare – rivendica – che tornino ad imporci il dominio della finanza sul mondo reale. Indipendentemente dalla maschera che indossano a seconda dei timori che li affliggono”.
Insomma, Grillo punta il dito contro tutti gli inciuci passati e futuri di chi è all’opposizione, di chi cerca soltanto di sopravvivere, ma sulle spalle dei cittadini. Un messaggio chiaro e forte a chi governa insieme ai 5 Stelle. A quella Lega che fintanto che non fa gli interessi del Cav può davvero perseguire obiettivi politici concretamente nell’interesse della nazione.
Adolfo Spezzaferro

1 commento

  1. Piddini imbarazzanti, sembra che a loro gli italiani facciamo proprio schifo…….. ignobili comportamenti……..sono a favore dell’europa che ci offende quotidianamente e ci tratta come bestie,sono a favore dei negroidi tribali e analfabeti che ci vogliono sopprimere,sono a favore di una magistratura politicizzata e democratica quanto un cavolo marcio………. molti si chiedono se i piddini siano contro la nostra patria, sicuramente vivono in un mondo marziano che ha in spregio il popolo italiano………scordavo,sono tutti strapagati dallo stato , in parte con stipendi immeritati,in parte vere e proprie zecche parassite.

Commenta