San Giovanni Lupatoto, 27 feb – In casa Melegatti, fervono i preparativi in vista delle festività pasquali. Lo stabilimento di San Giovanni Lupatoto, alle porte di Verona, rinato dopo il fallimento ed il passaggio di marchio alla famiglia Spezzapria, ha già avviato con successo la produzione di circa 1,8 milioni di colombe (come comunicato dall’azienda). Sia nelle versione tradizionale che nelle assortite varianti, i dolci pasquali vedranno impegnati 117  lavoratori stagionali oltre ai 38 sotto contratto a tempo indeterminato.

Innovazioni tecnologiche per la “nuova Melegatti”

Un importante intervento di riattivazione, automatizzazione e digitalizzazione dell’impianto, garantirà inoltre migliorie all’intero processo produttivo. Nella “nuova Melegatti”, oltre alla consolidata eccellenza, non mancano idee e novità: da Pasqua 2019 sulle tavole italiane si potrà anche trovare la “Colomba cereali” (realizzata con ingredienti insoliti rispetto alla ricetta classica, ovvero cereali antichi a lenta maturazione del chicco).


Altra buona notizia, la riapertura dello spaccio all’interno dello stabilimento di San Giovanni Lupatoto. Da sabato scorso e fino al 20 aprile, durante l’orario lavorativo i consumatori potranno acquistare direttamente colombe ed altri dolci per le feste. Quella della Melegatti è una vicenda positivamente emblematica: come l’Araba fenice, che dalle ceneri del fallimento risorge con nuova linfa e risorse. L’invito è quindi, come per Natale, quello di sostenere il bel “sogno Melegatti”. Un sogno tutto, orgogliosamente italiano.

Chiara Soldani

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here