Il Primato Nazionale mensile in edicola

isisRoma, 17 ago – L’Isis invita a colpire l’Italia, inserita, in un appello dell’organizzazione terroristica, fra i Paesi “miscredenti” da attaccare. Il messaggio jihadista si intitola “Come On Rise” ed è stato diffuso attraverso al-Thabaat, media vicino alla galassia dello Stato islamico. Ne dà notizia Site, il portale specializzato nel monitoraggio dei media terroristici. Tra i Paesi europei citati ci sono il Belgio, la Danimarca, la Francia, la Spagna e, appunto, l’Italia. L’appello dell’Isis dura 3 minuti e 34 secondi ed è rivolto soprattutto ai “lupi solitari”, i combattenti individuali, non necessariamente in contatto con i vertici del Califfato.

“La guerra si è intensificata ma noi resistiamo. Voi – è l’appello – fate il vostro dovere e contribuite alla salvezza dello Stato islamico: colpite i miscredenti” in America e in Europa “e fate stragi nei mercati e nelle stazioni ferroviarie”. Come Paesi bersaglio sono indicati anche la Russia e l’Iran, mentre tra le immagini di attentatori che scorrono vi sono quelle del killer di Nizza, Mohamed Lahouaiej Bouhlel, e di quello di Orlando, Omar Mateen. Per la prima volta l’Italia è indicata esplicitamente come bersaglio in quanto Paese nemico e non come Roma – comparsa in tanti proclami come centro della cristianità. L’appello incita a colpire i “crociati” nelle loro terre o ovunque si trovino. “Noi contesteremo, davanti a Dio, qualunque musulmano che abbia la possibilità di versare anche una sola goccia di sangue crociato e non lo faccia”.

1 commento

  1. Se i maiali islamici colpiranno in Italia, qualunque sia il loro obbiettivo, sappiano che risponderemo colpo su colpo.
    Salteranno moschee, verranno colpiti centri islamici bruceranno i loro negozi e le loro bancarelle abusive.
    Per non parlare dei loro imam saranno il primo obbiettivo della nostra collera.