Roma, 27 giu – La Germania di Joachim Loew, campione del mondo in carica, perde per 2-0 contro la già eliminata Corea del Sud ed esce incredibilmente dai Mondiali di Russia 2018, non superando neanche la fase a gironi (anche perché per passare avrebbero dovuto vincere, visto che la Svezia ha vinto 3-0 contro il Messico).
Partita da dimenticare per i tedeschi che nel secondo tempo si sono spenti e hanno preso due gol a fine partita (Kim Young-Gwon al 93′, Son al 96′). Finisce così il Mondiale per la Germania: con due sconfitte e una sola vittoria, all’ultimo posto nel girone F.

Nell’altra partita, invece, la Svezia di Andersson asfalta il Messico di Osorio, con un netto 3-0 frutto delle reti di Augustinsson, primo gol in nazionale, di Granqvist su calcio di rigore e dell’autogol di Alvarez. Con questa vittoria gli scandinavi agganciano in vetta alla classifica proprio i messicani e vincono pure il girone F per via dello scontro diretto vinto. Il Messico, però, si qualifica lo stesso come seconda del girone e deve ringraziare la Corea del Sud che ha appunto onorato il Mondiale sconfiggendo i campioni in carica.

Alberto Palladino

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteMalta alla fine cede: Lifeline attraccherà nel pomeriggio. Ma verrà sequestrata
Prossimo articoloEsclusiva: il primo capitolo di “Fashion Mafia”, pulp ironico tra soldi, sesso e botte da orbi
Alberto Palladino
Nato a Roma, classe 1987. Studia Scienze storiche e cooperazione internazionale all’università Roma 3 e da qualche anno ha iniziato a percorrere la strada professionale del reporter. Fino ad oggi, nonostante le difficoltà che incontra chi lavora in questo settore da indipendente, è riuscito a coprire alcuni degli scenari di crisi più importanti di questi ultimi anni provando a raccontare, fra gli altri, la secessione in Ucraina e la guerra antiterroristica in Siria. Collabora con importanti testate nazionali e straniere. Ha realizzato reportage dal Kosovo, embedded con la missione italiana, dall’Azerbaijan e dai luoghi di eventi importanti e tragici come gli attacchi di Parigi. Ha collaborato alla realizzazione di progetti umanitari con la onlus Solidarité Identités e la onlus Popoli in molti dei Paesi da cui poi ha scritto per questa testata: Kosovo, Birmania, Siria. Ha viaggiata nella Siria devastata dal terrorismo scattando foto e aiutando i bisognosi, sublimando al massimo la sua vocazione. Per il Primato Nazionale anima la redazione esteri e propone i suoi scatti fotografici per far aprire gli occhi ai lettori, perché è persuaso che nel mondo di oggi non è più sufficiente guardare, bisogna vedere.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here