Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 13 nov – Che una delle principali ossessioni di Laura Boldrini fosse CasaPound è cosa ormai risaputa. Ora l’ex presidente della Camera è tornata alla carica e chiede di chiudere per legge Cpi e Forza Nuova, che a suo dire sono formazioni politiche incostituzionali. E affinché in Parlamento venga presa sul serio, la Boldrini ha elaborato una proposta di legge che consiste in cinque articoli.
Quello che all’ex terza carica dello Stato non va giù, a suo dire, è la libertà di diffondere ideali “xenofobi, fascisti e razzisti”, anche se in realtà è più realistico affermare che alla Boldrini e ai firmatari della sua proposta di legge interessi riesumare l’ormai sepolta proposta di Emanuele Fiano, che voleva mettere a tacere qualunque voce fuori dal coro. Alla faccia della tanto decantata democrazia che questi personaggi buonisti vanno promuovendo.
Il primo firmatario della proposta di legge è il deputato di Liberi e Uguali Luca Pastorino, che nella relazione di presentazione alla Camera ha dichiarato che il provvedimento “è finalizzato a un immediato intervento, che semplifichi e giurisdizionalizzi la procedura di sospensione dell’attività e dello scioglimento di movimenti, associazioni o partiti politici, più o meno organizzati, di matrice fascista e antidemocratica che inneggiano all’odio e alla discriminazione razziale, etnica e religiosa”.
Di fronte a cotanti deliri non si è fatta attendere la risposta di Simone Di Stefano, segretario nazionale di CasaPound Italia. “Ci sentiamo chiamati in causa e ne siamo onorati. Perché la Boldrini, così come tutta la sinistra, non ha più argomenti. Non parlano di lavoro, hanno precarizzato le persone e oggi per non parlare più delle loro colpe, delle loro responsabilità, devono agitare lo straccio rosso dell’antifascismo che non serve a niente. Perché gli italiani se ne fregano dell’antifascismo, vorrebbero avere il lavoro e la possibilità di mettere su famiglia. La Boldrini si è scordata di tutto questo perché per anni ha parlato solo di ius soli, e oggi in campagna elettorale parla di lavoro e di antifascismo. Quindi non le dobbiamo credere e rispediamo al mittente le accuse. CasaPound non può essere sciolta con un decreto legge”.
Anna Pedri
 
 
 

Sangue di Enea Ritter

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Vada in Africa dai suoi amici negroidi……… Questa comunistoide parziale, inadeguata e sparaballe la smetta di essere razzista e xenofoba contro i patrioti italiani……..senza dignità ………. Le idee si combattono con altre idee…….non con una codarda e vigliacca chiusura dei movimenti sovranisti,patriottici e coraggiosi……..la libertà di pensiero non si uccide……… Onore a CP.

Commenta