Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 2 lug – “La via maestra sono le elezioni“. Così fonti della Lega replicano all’intervista a Repubblica di Silvio Berlusconi in cui l’ex Cavaliere si mette a disposizione per eventuali inciuci per dar vita a una nuova maggioranza con cui Forza Italia andrebbe al governo, ovviamente senza il Movimento 5 Stelle. Sempre che il Conte bis dovesse cadere. “Mandare a casa un governo che blocca tutto è vitale per il futuro dell’Italia, certo sul Mes – precisano le stesse fonti – la posizione di Forza Italia è contro l’interesse nazionale italiano“.

Meloni: “Voto unica alternativa, particolarmente in questo caso”

A criticare l’apertura di Berlusconi a nuove maggioranze per evitare di tornare al voto in caso di crisi di governo è anche Giorgia Meloni: “L’alternativa per noi è sempre il voto e particolarmente in questo caso“. La leader di Fratelli d’Italia, ai microfoni di SkyTg24, comunque sottolinea come il titolo dell’intervista di Berlusconi fosse un po’ forzato: “Non dice ‘facciamo un governo di unità nazionale’. Ho imparato a leggere le interviste oltre ai titoli”. Ma l’apertura a possibili inciuci c’era e come, a leggere bene.

La replica  di Forza Italia

Dal canto suo, Forza Italia replica all’attacco della Lega, invitando gli alleati del centrodestra a leggere bene l’intervista completa, piuttosto che diramare dei commenti a caldo dopo essersi fermati solamente al titolo delle notizie: “Se l’avessero fatto, avrebbero scoperto che il presidente Berlusconi non si è mai detto a favore di un governo di unità nazionale“. Al contrario, Berlusconi ritiene che “non esistono le condizioni”. Poi però i forzisti non citano il resto della dichiarazione, in cui, appunto, il loro leader – nel caso le condizioni si dovessero creare – si dice disposto a valutare nuove maggioranze (sempre senza passare per il voto).

L’ex Cav di certo non vuole tornare alle urne

Al di là delle virgole, il dato politico resta: alla vigilia di una manifestazione unitaria del centrodestra contro il governo Conte e la maggioranza giallofucsia, Berlusconi non disdegnerebbe l’ennesimo inciucio per non tornare alle urne. Elezioni che molto probabilmente certificherebbero in modo conclamato un ulteriore calo dei consensi per Forza Italia, indebolendo ancora di più la sua posizione in Parlamento e nella coalizione di centrodestra.

Adolfo Spezzaferro

2 Commenti