Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 17 dic – Doppio dietrofront del governo gialloverde sulla manovra. Dopo aver abbassato il deficit previsto per il 2019 per rispettare i diktat della Ue e aver annunciato di aver trovato la quadra sui saldi della finanziaria, ora l’esecutivo Lega-M5S fa slittare la discussione in Aula. La manovra infatti domani tornerà in commissione Bilancio del Senato.
Tutto da rifare, quindi. Domani a partire dalle 9.30 riprenderà l’esame degli emendamenti. A stabilirlo i capigruppo della commissione al termine di una riunione convocata dopo il vertice di ieri sera a Palazzo Chigi e la decisione di non riunirsi affatto nella giornata di oggi. La commissione pertanto chiederà lo slittamento di qualche giorno della discussione in Aula, che potrebbe quindi riunirsi giovedì o venerdì.
E’ “ragionevole” che la manovra arrivi in Aula a Palazzo Madama venerdì, dice il viceministro dell’Economia, il leghista Massimo Garavaglia, al termine della riunione dei capigruppo. “Ci auguriamo di essere pronti per domani – sottolinea – e presentare tutto quello che serve in modo che da domani si possa procedere e arrivare a chiudere tutto in commissione in maniera ordinata”.
I tempi per l’approdo in Aula “dipendono dai lavori della commissione, non vogliamo mettere tagliole – chiarisce Garavaglia – è una discussione particolarmente rilevante e ci prendiamo il tempo che serve”. Il sottosegretario poi commenta la mole di emendamenti del governo. “Mi auguro che siano meno, 30 sono effettivamente tanti, quello che è pronto – spiega – può essere presentato anche oggi”.
Intanto Bruxelles fa sapere che tra la Commissione europea e il governo Lega-M5S “il dialogo continua” e “decideremo i prossimi passi sulla base del risultato di questo dialogo, che è in corso“. Lo dice il portavoce capo della Commissione Ue Margaritis Schinas.
Per le opposizioni (Forza Italia e Pd a braccetto) la legge di Bilancio non è altro che una “montagna di bugie”, “scritta ovunque tranne che in Parlamento”.
Ora in commissione si svelerà l’arcano su quota 100 e reddito di cittadinanza, le misure-bandiera di Lega e M5S. Ci sono le coperture? Staremo a vedere.
Adolfo Spezzaferro





La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta