Roma, 14 feb – “Il green pass va abolito subito, è punitivo e delirante“: Giorgia Meloni si scaglia contro la certificazione verde alla vigilia dell’obbligo per i lavoratori over 50 di esibire la versione super. “Mentre tutto il mondo allenta le restrizioni, da domani in Italia centinaia di migliaia di lavoratori rimarranno a casa senza stipendio per l’ignobile ricatto del green pass”. E’ l’attacco della leader di Fratelli d’Italia.

Meloni: “Green pass va abolito subito, è punitivo e delirante”

“Proibire alle persone di potersi guadagnare da vivere penalizzando anche le aziende che dovranno fare a meno della forza lavoro, in un periodo di grande difficoltà economica per tutta la nazione, è semplicemente delirante“. Così la Meloni punta il dito contro la restrizione che scatta da domani e sarà in vigore fino al 15 giugno. “Un provvedimento senza alcun senso scientifico, punitivo e vessatorio“, è l’accusa della leader dell’unico partito di opposizione al governo Draghi.

La leader di FdI: “Green pass figlio della deriva ideologica del governo”

Un green pass “figlio della deriva ideologica di un esecutivo che sta in piedi solo grazie al morboso senso di attaccamento alla poltrona di molti di quelli che lo sostengono, non è degno di uno Stato civile. Non c’è nessuna modifica da fare, il green pass va abolito. Subito”, conclude la Meloni. Nel governo, è la Lega a spingere per non andare oltre il 31 marzo, data in cui scade lo stato di emergenza. Ma ci si aspetta che il governo manterrà il green pass ben oltre il 31 marzo (almeno fino al 15 giugno).

Gismondo: “Forse è una forzatura, serve bilancio rischi-benefici in termini di ordine sociale”

L’obbligo di super green pass per i lavoratori over 50 intanto fa discutere gli esperti. Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano, lo considera una forzatura. “La vaccinazione contro Covid-19 ha dato degli ottimi risultati – sottolinea la microbiologa -. Ma al di là del confermare tale evidenza, io credo che oggi, con un numero di non vaccinati ormai veramente limitato, dal punto di vista dell’ordine sociale” l’obbligo di super green pass sul lavoro per gli over 50 sia “forse una forzatura”. “A questo punto – sottolinea l’esperta all’Adnkronos Salute – penso che dovremmo fare un bilancio rischi-benefici anche in termini di ordine sociale, che rischiamo di non mantenere”.

Sileri: “Prematuro parlare di eliminazione”

“Io credo sia prematuro oggi parlare di eliminazione del super green pass, ma una rimodulazione può essere necessaria“. E’ il punto di vista del sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. Il quale conferma che “sicuramente il green pass non può essere qualcosa di eterno. Non è un passaporto che ha la durata di 10 anni”. Queste riflessioni sono parte di un percorso verso “un ritorno alla completa normalità, dove per normalità si intende anche prima o poi la rimodulazione o la rimozione del green pass”. Certo, ha puntualizzato infine, “non lo farei ora. Oggi è francamente prematuro”.

Diverso l’avviso del Consiglio d’Europa, tanto per fare un esempio, secondo cui il green pass è “discriminatorio e contro la scienza”. E invece da noi c’è ancora chi – come il consulente di Speranza Walter Ricciardi – che sostiene che va tenuto in vigore fino alla fine dell’anno perché protegge dai contagi. Niente di più falso.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

9 Commenti

  1. Il governo vuole il 100% degli italiani con green pass per il controllo digitale di ogni nostro pagamento e movimento.Hanno avuto questo ordine dai loro padroni stranieri della finanza predatoria massonica oligarchica che nel piano del grande reset vuole imporre il controllo biologico(punture continue) e digitale (qr code) di tutti.

    La scusa per ottenere il 100% della popolazione con qr code è il “vaccino”.E’ una scusa dato che il prodotto non è attivo sulle varianti attuali e poichè della salute nostra non interessa niente visti le centinaia di ospedali chiusi in questi anni e la elevata tossicità e mortalità dei prodotti genici sperimentali.

  2. Saggia dichiarazione quella della Meloni. I provvedimenti di questo governo, il peggiore della storia della Repubblica, rasentano la pazzia, sempre che non ci sia un piano precostituito.

  3. Può anche fare queste uscite adesso, quando fa comodo ed altri personaggi sembrano criticarlo, ma la gente non dimentica che è stata zitta e complice per tutto questo tempo

  4. Fare finta opposizione al pensiero unico dopo che la spazzatura sinistra ha fatto e fa tutto ciò che vuole,non ha più senso.

Commenta