Roma, 26 gen – Le Ong, secondo il decreto Piantedosi, dovrebbero effettuare un “salvataggio” e andare dritte al porto di assegnazione con i clandestini a bordo. Cosa sta accadendo? L’esatto opposto. Come, peraltro, avevamo previsto.

Le Ong ignorano il decreto

Le Ong ignorano il decreto. Che sorpresa. Quanto meno, ad oggi lo sta ignorando la Geo Barents, come riporta Tgcom24, la quale effettua tre “interventi” e se ne frega delle presunte “imposizioni” dell’esecutivo. Dalla Ong poi fanno sapere, magari pure con un pizzico di derisione, di agire “in conformità con il diritto internazionale marittimo”. Il governo come risponde? Quando la nave sarà arrivata al porto di assegnazione, ovvero La Spezia, valuterà se la avrà rispettato le prescrizioni del decreto oppure no. In teoria, in caso di infrazioni, ci sarebbero le sanzioni: multe da 10mila a 50mila euro per il comandante e il fermo della nave.

Una strategia perdente

Il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi la butta sull’ovvio: “La presenza delle Ong fa ripartire i gommoni”. Ciò detto, le Ong non si fermeranno di fronte a nessun “decreto di scoraggiamento”, come di fatto è quello governativo. E i fatti stanno andando esattamente in questa direzione. Porti più lontani e un solo intervento obbligato? Poco conta, le Ong viaggeranno fino a quei porti e continueranno ad effettuare tutti i “salvataggi” che vogliono. Magari lamentando anche un mancato rispetto dei sempre utili “diritti umani”. Aggiungiamo una provocazione: chissà che in futuro non ignorino pure le destinazioni di assegnazione e “parcheggino” comodamente e nuovamente nei porti meridionali. In fondo è sufficiente lanciare i soli allarmi per i passeggeri, con relativa e – quasi “strategica” – presenza di “minori non accompagnati a bordo”. Per cui, chi può dirlo?

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. Ma in tema di quei diritti umani a cui le ONG si appellano per fare i comodi loro, non possiamo appellarci noi Italiani al diritto umano e sacrosanto di uscire di casa senza il rischio di restare rapinati scippati, stuprati, da questi invasori che come minimo si portano dietro un machete per farsi padroni di casa nostra? Proprio in virtù di quei diritti umani, abbiamo più diritto noi che siamo umani di vivere come vogliamo a casa nostra o loro che sono animali, di vivere come vogliono loro a casa nostra?

Commenta